BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità e ultime notizie cambiamenti rilanciati da partiti e Commissione quota 100, quota 41,staffetta, contributivo donna

Commissione Lavoro e partiti politici, da Lega a M5S, a Forza Italia allo stesso Pd, si preparano a presentare nuovi emendamenti per ottenere ulteriori cambiamenti per le pensioni dopo le ultime novità approvate




Commissione Lavoro e partiti politici, da Lega a M5S, a Forza Italia allo stesso Pd, si preparano a presentare nuovi emendamenti per ottenere ulteriori cambiamenti per le pensioni dopo le ultime novità approvate che interessano staffetta ibrida per gli over 63, aumento della no tax area agli over 75 e proroga del contributivo ma solo per quest’anno. La no tax area per i pensionati over 75 salirà dagli attuali 7.750 euro a 8.000 euro, raggiungendo così quella in vigore per i lavoratori dipendenti. Per i pensionati con meno di 75 anni di età si passerà invece dagli attuali 7.500 euro a 7.750.  

Il presidente della Commissione Lavoro Damiano è tornare a sollecitare il parere e la relazione tecnica vincolante che i Ministri competenti avrebbero dovuto inviare entro dieci giorni sul testo unico di quota 100 e mini pensione e, prima dell’approvazione definitiva della Manovra 2016, si cercherà di lavorare sulla cancellazione delle ricongiunzioni onerose, sulla semplificazione  del cumulo delle pensioni, sul miglioramento della staffetta ibrida e su un rinvio del contributivo donna.

Per la staffetta ibrida, l’intenzione è quella di cambiarla cancellando l’obbligo di consenso di datore di lavoro e abbassandone l’età. Il governo ha stanziato per ora 250 milioni per 3 anni per finanziare la staffetta a chi, dal 2016, mancano 3 anni dalla pensione. Il ministro del Lavoro Poletti ha spiegato che si tratta di un sistema che si baserà su accordi individuali per una riduzione del lavoro tra il 40 e il 60% e in base al quale il datore di lavoro verserà in busta paga la differenza dei contributi esentasse e che chi decide di ridurre l’orario di lavoro al 50% percepirà un salario intorno al 65%.  

Per il contributivo donna, la richiesta è di estenderlo anche al prossimo 2016, inoltre, bisognerebbe inserire nella Manovra Finanziaria l'obbligo di definizione di una legge collegata da fare o attraverso una legge delega o attraverso iter Parlamentare per uscire prima. Si tratterebbe di una certezza per la risoluzione, relativamente, immediata di soluzioni pensionistiche da tempo richieste e che dovrebbero soddisfare le esigenze di tutti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il