BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Pensioni novità cambiamenti per tutti e profondi sostenuti a sorpresa, riforma tribunali, assicurazione auto: novità giovedì oggi

Quali le possibili novità pensioni ancora rilanciate da ministro dell’Economia e giovani industriali, dopo il via libera alla nuova riforma del processo penale




AGGIORNAMENTO: Arrivano a sostegno di novità per le pensioni più importanti e incisive oggi giovedì 22 Ottobre diversi appoggi a sostegno anche in parte a sorpresa. Come, infatti, riportiamo, secondo le ultimissime notizie, Confindustria a livello giovanile è molto negativa sui provvedimenti presi e per aumentare occupazione e produttività chiede cambiamenti più drastici e profondi ed a pronta a sostenerli in tutte le sedi necessarie ( lo abbiamo scritto più ampiamente sotto)
D'altra parte a sostegno di norme più significative sono arrivate anche le richieste di diversi dirigenti INPS tra cui il direttore che Massimo Cioffi che ha confermato la sua positivià riguardo alle uscite prima dal lavoro e ha chiesto maggiore libertà di azione delle stessa INPS. E in questi giorni sono arrivate le conferme anche da parte di Padoan prima, da sempre scetticoe contrario, Poletti e Boeri tutti in questi ultimi giorni. 

Giovani industriali e ministro dell’Economia rilanciano su ulteriori novità pensioni, mentre le ultime notizie confermano l’approvazione della nuova riforma del processo penale e sulla norma sulle intercettazioni da pubblicare sui giornali, il Parlamento ha dato il via libera alla delega al governo che dovrà regolamentare la materia. Intanto, l’Agenzia delle Entrate ha iniziato ad inviare inviti bonari a 220.000 contribuenti avvisandoli di possibili anomalie nella compilazione del 730 precompilato.

Pensioni: Rilanciano a sorpresa su novità pensioni giovani industriali e ministro dell’Economia: il governo ha approvato cambiamenti da molti considerati minimi e che meritano di essere migliorati e magari affiancati da ulteriori novità capaci di rivedere realmente l’assetto delle attuali norme previdenziali, considerando anche le particolarità di determinate categorie di lavoratori che in altri Paesi europei godono di norme ad hoc mentre in Italia sono stati fortemente penalizzati dall’avvento dell’attuale legge pensioni, cioè precoci e usuranti. Giovani industriali e ministro dell’Economia insistono ancora su cambiamenti come quota 100, mini pensione, contributivo ma anche assegno universali. Se, infatti, i giovani industriali spingono sulla necessità di approvare quei piani che consentirebbero ai lavoratori più anziani di andare in pensione prima, in modo da sostenere il ricambio generazionale e dare nuovo impulso a produttività e competitività, derivanti soprattutto dall’impiego delle nuove tecnologie, che sono prettamente di conoscenza di più giovani, il ministro dell’Economia, inaspettatamente, ha aperto all’assegno universale, soprattutto per adeguarsi al modello europeo, giacchè si tratta di una forma di sostegno per le famiglie più difficoltà che è già in vigore in quasi tutti gli altri Paesi europei. Padoan sostiene anche quel piano di revisione delle detrazioni fiscali che erano state annunciate già dal premier Renzi. Nonostante il nulla di fatto e la mancanza di risorse economiche, l’intenzione, che a volte sembra decisamente nascosta, di voler agire sulle pensioni c’è ma il problema è che alla fine sembra sempre che manchi il coraggio di cambiarle davvero. Anche Confindustria ha fatto passi indietro sulle pensioni: se, infatti, fino a qualche mese aveva sempre spinto sulla necessità di cambiare le pensioni per dare nuovo slancio all’occupazione giovanile, da qualche settimana Confindustria sembra sostenere il taglio tasse annunciato dal premier.

Riforma Giustizia: La Camera ha approvato la riforma del processo penale e per quanto riguarda la norma sulle intercettazioni da pubblicare sui giornali, il Parlamento ha dato il via libera alla delega al governo che dovrà regolamentare la materia. Diverse le novità introdotte dal ddl, che deve passare al Senato, tra cui l'estinzione del reato quando l'imputato ripara interamente in danno, ma solo per i reati a querela, l'ampliamento dei diritti della parte offesa, che avrà diritto di conoscere lo stato di un procedimento sei mesi dopo la sua denuncia, l'aumento delle pene per il voto di scambio politico-mafioso (dai 4-10 anni passerà a 6-12) ma anche per quelle riguardanti il furto in abitazione, aggravato e rapina. Nella riforma della giustizia approvata anche la norma prevede un massimo di 3 mesi, prorogabile di altri 3, per chiedere il rinvio a giudizio o l'archiviazione dopo che i pm hanno notificato la chiusura delle indagini. La riforma prevede una l'obbligo di una immediata iscrizione al registro degli indagati per chi è sospettato di un reato.

730 precompilato lettere anomalie: l L'Agenzia delle Entrate in questi giorni ha iniziato ad inviare inviti bonari a 220.000 contribuenti avvisandoli di possibili anomalie nella compilazione del 730 precompilato. Chi riceve la lettera può rimediare con ravvedimento operoso e sanzioni ridotte entro il 29 dicembre con Unico. Gli avvisi arriveranno ai contribuenti che non hanno presentato la dichiarazione pur avendo percepito più redditi da lavoro dipendente o da pensione da diversi sostituti (datori di lavoro o enti previdenziali) i quali non hanno effettuato il conguaglio delle imposte. L'Agenzia invita a verificare la propria posizione ed eventualmente a porvi rimedio senza incorrere in controlli. Chi riceve la lettera può presentare il modello Unico Persone Fisiche entro il 29 dicembre 2015 (entro 90 giorni dalla scadenza ordinaria del 30 settembre) beneficiando con il ravvedimento operoso di una significativa riduzione delle sanzioni dovute per la tardiva dichiarazione e per gli eventuali versamenti.

Riforma assicurazione auto: Sconti ad hoc per gli automobilisti del Mezzogiorno: questa è una delle norme contenute nel ddl concorrenza e introdtte alla Camera. Il provvedimento passa ora all'esame del Senato per la seconda lettura. In materia di rc auto, arriva la tabella unica nazionale, per i risarcimenti dei danni biologici. L’istallazione della scatola nera sarà a carico dell’assicurazione, così come gli strumenti che misurano il tasso alcolemico del guidatore, inoltre gli sconti sull’rc auto, per chi monta i rilevatori, saranno stabiliti dall’Ivass. Le compagnie assicurative saranno, invece, tenute a fare degli sconti se il soggetto stipula più polizze con la clausola di guida esclusiva. Per gli automobilisti del sud sono previste, inoltre, tariffe speciali, se accettano di istallare la scatola nera e non hanno incidenti da almeno 5 anni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il