BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu e Tasi, canone Rai in bolletta, bonus ristrutturazione casa proroga 2016: spiegazioni ufficiali chi deve pagare, come e quando

Il pagamento del canone Rai continua a essere legato al possesso di un televisore. Via l'Imu e la Tasi sulle prime case, tranne ville e castelli.




Secondo le regole la manovra finanziaria sarebbe dovuta finire alle Camere entro il 15 ottobre, ma deputati e senatori sono ancora in attesa del testo. Quali sono le novità fiscali più importanti?

Imu e Tasi. Come già annunciato la Tasi sarà cancellata relativamente alle abitazioni principali e non solo per i proprietari ma anche per coloro che le occupano, ovvero tipicamente gli inquilini. Ma la piccola quota che era a loro carico non andrà a carico dei proprietari, sarà invece cancellata. Continueranno invece a pagare gli affittuari di altri immobili. Abolita la Tasi per la prima casa ma continueranno a pagare l'Imu gli immobili di lusso, come i castelli. A poter aumentare la Tasi dello 0,8 per mille sulle seconde case saranno solo i sindaci che lo hanno già fatto quest'anno: in tutto sono 460 Comuni, compresi Milano e Roma.

Canone Rai in bolletta. Continuano a subire aggiustamenti le nuove regole per il pagamento del canone Rai 2016. I punti fermi sono due: l'inserimento nella bolletta della luce e la riduzione dell'importo da versare da 113,50 a 100 euro. Non ci dovrebbero essere cambiamenti sul versante del possesso dei dispositivi: il televisore continua a rimanere decisivo per il pagamento dell'imposta, gli smartphone e i tablet no. Altro capitolo aperto è quello delle sanzioni. Facendo presente come non sia possibile l'evasione e ricordando che è a carico degli utenti dimostrare all'Agenzia delle Entrate il non possesso di un televisore per non pagare il canone, è prevista una sanzione pari a 5 volte l'importo e dunque di 500 euro.

Bonus ristrutturazione casa. Ancora un anno per fruire dell'ecobonus al 65% e della detrazione fiscale del 50% sulle ristrutturazioni edilizie e del bonus mobili. La novità è rappresentata dall'inclusione degli enti di gestione delle case di edilizia residenziale pubblica. L'ecobonus (detrazione dall'Irpef o dall'Ires per 10 anni) è sfruttabile per i lavori realizzati entro il 31 dicembre del prossimo anno. Agevolazioni anche per i lavori di adeguamento antisismico.

Ristrutturazione Casa BONUS e DETRAZIONI. Vediamo quali sono i bonus, le detrazioni e le agevolazioni fiscali disponibili ora per la ristrutturazione di immobili di proprietà, in affitto e per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il