BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Borsa Milano positiva, balzano Rcs, Mediobanca, bene telefonici

Piazza Affari chiude in lieve rialzo una seduta caratterizzata da scarsi spunti significativi con il mercato che si è concentrato sui telefonici e su qualche tema speculativo



Piazza Affari chiude in lieve rialzo una seduta caratterizzata da scarsi spunti significativi con il mercato che si è concentrato sui telefonici e su qualche tema speculativo.

"E' stata una giornata tranquilla, senza temi forti. Da segnalare solamente la buona prestazione dei telefonici in tutta Europa", dice un trader.

L'indice S&P/Mib sale dello 0,13%, il Mibtel dello 0,15%. Debole il Techstar a -0,42%. Volumi attorno a 3,7 miliardi di euro circa.

* Oltre che su RCS, che prosegue la sua corsa, il mercato ha rivolto oggi particolare attenzione su MEDIOBANCA dopo che Tronchetti Provera, in una intervista ad un quotidiano, ha definito le due società riferimenti istituzionali del paese e pertanto ne va salvaguardata l'autonomia.

"Le parole di Tronchetti Provera hanno attirato l'attenzione su una situazione, quella di Piazzetta Cuccia, che potrebbe avere qualche analogia con quella di Rcs, scatenando diverse speculazioni", commenta un trader.

Il titolo della banca sale del 3,03% toccando i massimi dell'anno, con volumi interessanti e pari a tre volte quelli medi.

"Ultimamente sta registrando un buon andamento in Borsa e qualcuno, sull'onda della speculazione, ne approfitta per entrare sul titolo", aggiunge un altro operatore.

* Con scambi pari al 2,3% del capitale RCS guadagna il 3,12%. Oggi la Magiste di Stefano Ricucci ha comunicato alla Consob di possedere una quota del 13,5% nella società, e di volerla accrescere ulteriormente. In netto rialzo anche le RCS risparmio (+7,47%).

Tra gli editoriali sale anche L'ESPRESSO a +1,24%.

* In spolvero i telefonici in un contesto positivo per il settore in europa (Stoxx +1,67%). "Il comparto è spinto da Vodafone sulle attese positive della prossima trimestrale", dice un trader.

TELECOM ITALIA guadagna l'1,49%, TIM l'01,19%. Negativo invece FASTWEB (-1,41%).

"Non mi soprende lo storno di Fastweb, penso che il titolo sia caro sui fondamentali", dice un operatore.

* A eccezione di Mediobanca, il panorama bancario è generalmente debole con MPS (-0,65%) che ripiega dopo la recente corsa. Tra i maggiori cali anche SANPAOLO e CAPITALIA, mentre sale BNL (+0,78% a 2,713 euro), alla vigilia dell'assemblea dove si fronteggeranno i due schieramenti che si contendono il controllo della banca romana.

* Ribassi anche fra gli assicurativi con ALLEANZA a -1,25%, e il risparmio gestito con MEDIOLANUM a -0,85% e FIDEURAM  a -0,83%.

* Continua a salire ENI (+0,75%) con volumi elevati su voci circolate ieri e riprese oggi dalla stampa di un dividendo straordinario che potrebbe derivare dalla cessione di una quota di SNAM RETE GAS (-0,11%).

Lo Stoxx europeo del settore petrolio e gas guadagna lo 0,68%.

* Tra i titoli minori FINNAT scende del 3,14%. Ieri l'istituto ha fatto sapere di possedere l'1,25% di Bnl e di aver sottoscritto un'intesa di voto con il contropatto per le nomime del cda.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



pubblicato il