BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità e ultime notizie su metodo nuovo Commissione. A brevissimo sarà presentato. Come funziona e per chi

Ancora novità pensioni dopo presentazione nuova Manovra Finanziaria: nuove ipotesi, cosa prevedono e quando potrebbero essere approvate




Dopo le ultime aperture a ulteriori novità pensioni da parte di autorevoli esponenti del governo, le ultime notizie si concentrano principalmente su una nuova ipotesi di lavoro sostenuta da tutti i partiti in Commissione per la definizione di una nuova legge che sia universale per tutti. Non solo, dunque, cambiamenti parziali. Il nuovo meccanismo, che attende ancora di essere presentato ufficialmente, dovrebbe basarsi sul piano di uscita con quota 100 ma con penalizzazioni ridotte che però verrebbero alleggerite dall’erogazione di una mini pensione.

La condizione di imporre penalizzazioni, seppur ridotte, è fondamentale perché la Ragioneria di Stato accolga la proposta e non la blocchi sempre con la solita motivazione della mancanza di risorse economiche. Ma ci sarebbe un’altra idea al vaglio per tutti, quella che potrebbe prevedere la diminuzione delle penalità in base al valore complessivo dell'assegno e l'età. Con questo sistema le penalizzazioni potrebbero variare in base anche al lavoro fatto, diminuendo nel caso dei lavoratori precoci e usuranti. Il nuovo piano, sarebbe, comunque limitato nel tempo e con dei fondi predefiniti per poi, dopo una fase di prova, se i risultati si rivelassero positivi, essere inserito nel Decreto previdenza che potrebbe arrivare in primavera.

Si tratta di novità che potrebbero essere appoggiate anche da ministro dell’Economia e ministro del Lavoro che propri recentemente hanno aperto alla possibilità di continuare a lavorare sulle pensioni. Per il ministro dell’Economia bene sarebbe partire dalla revisione delle agevolazioni fiscali, così come era stato annunciato già dal premier tempo fa, per poi passare alla definizione di misure come l’assegno universale, soprattutto per adeguarsi al modello europeo, giacchè si tratta di una misura già in vigore negli altri Paesi europei.

Anche il ministro del Lavoro ha parlato di prossimi nuovi impegni su cambiamenti delle pensioni, esclusivamente collegati al lavoro, e quindi volti a rilancio dell’occupazione giovanile e della produttività. E in questo quadro di nuove aperture a piani che possano rivedere l’attuale legge pensioni si inseriscono anche altri tecnici del Tesoro che sostengono la necessità di dare vita a forme di uscita flessibili dal lavoro. Attesi poi emendamenti dai diversi partiti politici alla nuova Manovra Finanziaria che si appresta ad affrontare un lungo iter fino all’approvazione finale.

Si tratta di emendamenti che potrebbero proporre ulteriori novità di revisione dei requisiti di accesso alla pensione finale ma anche miglioramenti alle misure approvate nella Manovra, vale a dire proroga del contributivo donna ma solo per quest’anno e staffetta ibrida per gli over 63, che così come modulati non porterebbero alcun vantaggio, al contrario di piani di uscita come quota 100 o mini pensioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il