BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità e ultime notizie due norme ufficiali approvate negativa e positiva in attesa quota 100, mini pensioni, staffetta

Nuovo fondo povertà ed ennesimo blocco perequazione pensioni in Manovra 2016 ma nessuno ne parla mentre si lavora a nuovi emendamenti per ulteriori cambiamenti




La nuova Manovra Finanziaria approda in Parlamento e inizia il suo lungo iter di discussione che la porterà all'approvazione finale entro il 31 dicembre 2015. Fino ad allora, soprattutto per quanto riguarda il capitolo pensioni, sono attese novità ed emendamenti volti a proporre ulteriori cambiamenti, considerando le misure minime approvate al momento, ma anche miglioramenti proprio a queste ultime. Secondo le ultime notizie i diversi partiti politici sarebbero già a lavoro su tali emendamenti, che probabilmente rilanceranno su quota 100 e mini pensione, ma anche quota 101 e 41 e assegno universale.

Attesi, come detto, anche miglioramenti  per staffetta ibrida per gli over 63 e la proroga del contributivo donna al 2015: nel primo caso, infatti, si vorrebbe abbassare la soglia di uscita ma anche cancellare il vincolo di accordo con il datore di lavoro; nel secondo, invece, si vorrebbe estendere la proroga del contributivo donna ad un altro anno o anche due e non limitarlo solo a quest’anno. Ma insieme a queste misure e all’aumento della no tax area per i pensionati over 75, nella nuova Manovra in fase di approvazione sono contenute altre due norme poco citate, però.

La prima, positiva, è un ‘Fondo per la lotta alla povertà e all’esclusione sociale’, che ha un valore di 600 milioni di euro per il 2016, che saliranno a un miliardo nel 2017, e che rientra nella legge delega sulla povertà che sarà approvata come collegato alla nuova Manovra. Il Fondo vale innanzitutto per famiglie più povere con figli minori e a coloro che hanno un Isee inferiore ai 3mila euro.

Questo fondo potrebbe rappresentare il primo passo verso l’approvazione dell’assegno universale, che bisognerà capire però come modulare, se cioè destinarlo a tutti o solo agli over 55 che perdono il lavoro ma non possono ancora andare in pensione. L’altra novità, ma negativa, riguarda il blocco delle perequazioni delle pensioni dal 2017 per coprire i provvedimenti della nuova Manovra, misura che sembra al momento sicura.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il