BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Prestiti personali con o senza busta paga Novembre 2015 e prossimi mesi. Offerte migliori con tassi più bassi e in calo

Novembre 2015: ecco alcune delle più interessanti offerte di prestito personale per dipendenti e autonomi e le prospettive per i prossimi mesi.




Quali sono le proposte di prestito più interessante a novembre 2015? Nella possibilità di ottenere un prestito entrano in gioco tante variabili e non solo l'importo desiderato e la durata del finanziamento. Banche e finanziarie tengono conto anche della finalità del finanziamento, dell'eventuale assicurazione, dell'età e dell'impiego del richiedente così come del domicilio. Occorre poi tenere conto che più in là, da dicembre in poi, con il prospettato Quantitative easing 2 ovvero l'immissione di nuova liquidità da parte della Banca centrale europea, i tassi dei prestiti sono destinati a calare.

Provando a fare l'esempio del prestito di 2.000 euro da restituire in due anni per finalità generiche (maggiore liquidità), da parte di un 35enne lavoratore autonomo (consulente) da 10 anni domiciliato a Milano, la soluzione più interessante è adesso quella di RataWeb che prevede la restituzione della somma in due rate mensili di 90,55 euro ciascun per un totale di 2.191,23 euro. La somma è il frutto dell'applicazione di Tan fisso al 5,90%, Taeg al 9,37%, imposte di 16 euro e una serie di spese periodiche (2 euro al mese per rata e 2 euro per ogni anno). Più in generale, il prestito è destinato a privati con documentazione di reddito dimostrabile, l'importo finanziabile va da 1.000 a 2.999 euro con durate variabili da 12 a 66 mesi.

Viene anche data la possibilità di stipulare un'assicurazione facoltativa, pari a 3,30% su importo finanziato per durate fino a 36 mesi, 4,00% su importo finanziato fino a 48 mesi, 4,20% fino a 72 mesi , 4,50% per durate fino a 84 mesi. I documenti richiesti sono quello d'identità, il codice fiscale e ultima busta paga per dipendenti, modello unico per autonomi, cedolino pensione per pensionati.

E se a chiedere lo stesso prestito fosse lo stesso lavoratore, ma da impiegato con contratto a tempo indeterminato? Si aggiunge la possibilità offerta da Smartika: rata mensile da 92,21 ovvero Tan fisso al 5,30%, Taeg al 10,38%, spese di istruttoria di 50 euro, spese periodiche di 2 euro al mese per rata, per un totale di 2.213,09 euro da rimborsare. In questo caso, l'importo finanziabile può variare da 1.000 a 5.000 euro, la durata prevista cambia da 12 a 48 mesi mentre il Tan è pari allo 5,50% per durate pari a 12 mesi, allo 5,30% per durate fino a 24 mesi, allo 6,50% per durate fino a 36 mesi, allo 7,10% per durate superiori. Tra i documenti, sono richiesti anche una bolletta di utenza intestata, ultimo modello unico per i lavoratori autonomi, ultime due buste paga per i lavoratori dipendenti, cedolino pensione per i pensionati, estratto conto bancario o postale, bonifico identificativo ai sensi della normativa antiriciclaggio.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il