BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ristrutturazione casa detrazioni 50% e 65, bonus elettrodomestico, mobili 2016: guida, regole nuove. Per chi, come funziona

Con la nuova manovra finanziaria, il governo proroga di un altro anno gli sconti e le detrazioni fiscali per i lavori di ristrutturazione edilizia.




Ci sarà tempo fino al 31 dicembre del prossimo anno per approfittare delle agevolazioni per interventi sulla propria abitazione. La novità della proroga è stata inserita nella manovra finanziaria che deve essere approvata entro la fine dell'anno. Più esattamente lo sconto è pari al 36% dei costi sostenuti fino a un ammontare complessivo di 48.000 euro per unità immobiliare per le ristrutturazioni non energetiche e del 50% fino al raggiungimento della soglia di 96.000 euro sui lavori di ristrutturazione edilizia. A questi si aggiungono le detrazioni fiscali al 65% per i lavori di efficientamento energetico.

Le detrazioni spettano anche nel caso di interventi di restauro e risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia, riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie, che provvedano entro 18 mesi dalla data di termine dei lavori alla successiva alienazione o assegnazione dell'immobile. Per le ristrutturazioni sulle parti comuni condominiali si può utilizzare una certificazione rilasciata dall'amministratore del condominio, in cui si attesta di avere adempiuto a tutti gli obblighi previsti e si indica la somma di cui il contribuente può tenere conto ai fini della detrazione.

Le agevolazioni spettano ai proprietari degli immobili e ai titolari di diritti reali e personali di godimento sugli immobili oggetto degli interventi e che ne sostengono le relative spese. Si tratta di proprietari o nudi proprietari; titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie); locatari o comodatari; soci di cooperative divise e indivise; imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali o merce; soggetti che producono redditi in forma associata (società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice e soggetti equiparati, imprese familiari), alle stesse condizioni previste per gli imprenditori individuali.

Solo alcuni lavori possono fruire delle agevolazioni fiscali. In prima battuta ci sono quelli di manutenzione ordinaria e straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, effettuati su tutte le parti comuni degli edifici residenziali. Quindi quelli necessari alla ricostruzione o al ripristino dell'immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi. Poi gli interventi relativi alla realizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali. Sono compresi i lavori finalizzati all’eliminazione delle barriere architettoniche, aventi a oggetto ascensori e montacarichi e la realizzazione di strumenti idonei a favorire la mobilità delle persone portatrici di handicap gravi.

Ristrutturazione Casa BONUS e DETRAZIONI. Vediamo quali sono i bonus, le detrazioni e le agevolazioni fiscali disponibili ora per la ristrutturazione di immobili di proprietà, in affitto e per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il