BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie per cambiamenti nel brevissimo periodo inizia fase decisiva quota 100, assegno universale, staffetta

Si entra nel vivo della discussione sulle misure della nuova Manovra: le possibili novità pensioni ancora in ballo e i diversi step




Dopo la firma del presidente della Repubblica Mattarella, la nuova Manovra Finanziaria 2016 si avvia al suo lungo iter parlamentare, percorso durante il quale pioveranno certamente diversi nuovi emendamenti per cambiare alcune misure approvate. Tra le novità da aspettarsi certamente nuove proposte sulle pensioni che sicuramente potrebbero riguardare piani di uscita prima da quota 100, a mini pensioni, e contributivo, ma anche l’assegno universale. Insieme a questi emendamenti per l’introduzione di ulteriori misure per le pensioni, anche possibili emendamenti migliorativi dei provvedimenti già approvati, vale a dire proroga del contributivo donna per quest’anno soltanto però, staffetta ibrida per gli over 63 e aumento della detassazione per i pensionati over 75 ma decisamente irrisorio.

In riferimento alla proroga del contributivo tutti i partiti politici si dicono d’accordo nel chiedere un ulteriore rinvio di un altro anno o anche due, mentre per quanto riguarda la staffetta ibrida le richieste sono quelle di estensione di questa possibilità a tutti visto che come approvata nella Manovra sarebbe riservata solo ai lavoratori del settore privato; di ulteriore abbassamento della soglia di uscita fissata a 63 anni; di eliminazione del vincolo di accordo con il datore di lavoro.

Le novità potrebbero iniziare ad essere rese note già domani, mercoledì 28 ottobre, quando si riunirà di nuovo la Commissione parlamentare proprio per mettere a punto i nuovi emendamenti da presentare, mentre proprio oggi martedì 27 ottobre, in base alle ultimissime notizie inizia l'analisi preliminare del testo della Commissione bilancio e i capigruppo si riuniranno per decidere le varie fasi di confronto sui cui si presenteranno i diversi emendamenti, a partire da quelli sulle pensioni.

A questi step si aggiungono le possibili conseguenze che potrebbero esserci sulle pensioni dopo la decisione di Ncd di lasciare la maggioranza e il conseguente maggior peso che potrebbero avere d’ora in poi M5S e Scelta Civica, anche sulle pensioni. Stiamo, dunque, entrando, dunque, nel vivo di questa prima fase di discussione della nuova Manovra molto importante per i cambiamenti nel brevissimo termine e che durerà almeno due mesi, considerando che la versione ufficiale e definitiva della Manovra deve essere approvata entro e non oltre il 31 dicembre.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il