BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma pubblica amministrazione, rinnovo contratti statali, forze ordine, polizia: nuove regole per aumento stipendi

La riforma della pubblica amministrazione passa anche dallo sblocco del contratto degli statali, ma è già scontro con i sindacati.




Le coordinate dello sblocco del contratto degli statali nell'ambito della riforma della pubblica amministrazione sono state illustrate da Marianna Madia, ministro per la Funzione Pubblica. Intervistata dal Messaggero ha spiegato che i 300 milioni che l'esecutivo è pronto a stanziare non riguarda la totalità dei dipendenti pubblici, ma solo quelli che lavorano per gli uffici centrali, compresi vigili del fuoco e forze dell'ordine. E non vuole sentir parlare di somma irrisoria sia perché uno statale su quattro riceve in busta paga il bonus da 80 euro e sia per la bassa inflazione di questi anni che non ha eroso il potere di acquisto.

La novità è rappresentata piuttosto dai criteri differenziati per la distribuzione delle risorse, come le fasce di reddito, le funzioni, le categorie. E i sindacati? Invocano parità di trattamento nel comparto pubblico e soprattutto chiedono di potersi sedere attorno a un tavolo per discutere del rinnovo. Anche se, ripetono tutte le volte che possono, 300 milioni di euro sono considerate una miseria poiché corrisponderebbero a circa 10 euro lordi in busta paga. ma, spiega Marianna Madia, un accordo con le organizzazioni sindacali va necessariamente trovato perché senza la definizione dei comparti non può ripartire la contrattazione. Il Ministero è infatti adesso impegnato alla riduzione dei comparti pubblici da 11 a 4.

Altro tema caldo è quello degli 800 dirigenti mancati nell'Agenzia delle Entrate. A seguito della sentenza dell'Altra Corte del 17 marzo che ha dichiarato illegittime le nomine perché avvenute senza concorso, sono infatti stati retrocessi al ruolo di funzionari, con stipendi decurtati anche del 50%. Nei giorni scorsi circa 400 declassati hanno fatto causa per danni all'Agenzia delle Entrate e alla presidenza del Consiglio dei ministri.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il