BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità inaspettate sorprese e cosa succederà prossimi giorni, riforma professionisti,fisco,amnistia: novità domenica oggi

Importanti sorprese non attese per le novità sulle pensioni appaiono in arrivo tra i tanti incontri e appuntamenti dei prossimi giorni. E si lavora sulla riforma del fisco, partite iva e indulto, amnistia.




NOVITA' PENSIONI ULTIMA ORA NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 21,02 oggi domenica Novembre): Nella riunione di martedì tra le novità delle pensioni del tutto nuove si cercherà di spingere oltre che una semplice revisione dei cambiamenti presentati anche dei piani del tutto nuovo secondo leultime notizie e ultimissime ad oggi domenica 1 Novembre. Tra i primi il contributivo donna prolungato almeno per un anno o due e non solo limitato entro fine anno. Il costo sarbbe tra i 2-4 miliardi secondo la Ragioneria ma le cifre sono contestate. Inoltre il blocco delle perequazioni nasconde dei veri e propri tagli che si vogliono eliminare e saranno contestati in assemblea così come il taglio dei fondi per gli usuranti e precoci. Ma l'idea di base rimane quella di far già da subito qualcosa per chi vuole uscire prima e sembra confermato che il nuovo metodo inedito, una sorta di quota 100 e mini pensioni con penalizzazioni, potrebbe essere anticipato in Senato e non alla Camera. Ma ancora prima la discussione avverà in assemblea. E tale piano potrebbe essere anche cambiato o usato come merce di scambio per un Dl delega (lo vedremo nelle prossime ultime notizie e news in aggiornamento)

NOVITA' PENSIONI ULTIMA ORA NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 18,04 oggi domenica Novembre): L'idea di base nella riunione di martedì del partito Democratico è quella di riuscire a far cambiare all'esecutivo una serie di novità sulle pensioni presentate ma anche aggiungerne altre. Questo è trapelato ad oggi domenica 1 Novembre tra le ultimie e ultimissime notizie.  Vi sono degli obiettivi minimi di cambiamento come quello del contributivo donna da coprire l'intero anno e non far uscire chi matura i requisiti nell'ultimo trimestre. E poi per la staffetta ibrida aumentare i fondi e renderla più appettibile sia per aziende che cittadini. E, infine, per la cancellazione della tasse portarla subito a 10mila euro. Altro punto importante è quello di cercare di finanziare questi cambiamenti, seppur minimi, senza il blocco delle perequazioni che in realtà non è un blocco a sè stante ma un ulteriore taglio rispetto a quanto previsto e che non serve a finanziare solo i nuovi piani per le pensioni. Attacco pesante anche contro il taglio dei fondi per gli usuranti e precoci, ancora una volta rivisto al ribasso. Ma non finisce, qui, perchè vi sono anche una serie di richieste del tutto nuovo o comunque non solo incrementali che vedremo nelle prossime news e aggiornamenti

NOVITA' PENSIONI ULTIMA ORA NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 13,14 oggi domenica Novembre): Guardando agli appuntamenti previsti nei prossimi giorni per le novità sulle pensioni spicca senza dubbio l'incontro che ci sarà martedì di confronto e chiarimento del Pd sulle varie riforme in manovra tra cui, in base alle ultime e ultimissime notizie, ci saranno come temi contrali la riforma dell'uso del contante e delle pensioni. Per il contante, il nuovo limite potrebbe essere solo temporaneo per 24-36 mesi, mentre per le pensioni si cercherà, soprattutto la minoranza Pd, di introdurre in via sperimentale il nuovo metodo già detto per tutti per uscire prima, un Dl delega e una serie di miglioramenti per i tre piani presentati ovvero la stafetta ibrida, la cancellazione delle tasse fino a 8mila euro e il contributivo donna. Nei prossimi aggiornamenti e news vedremo nel dettaglio cosa si cercherà di far cambiare.

NOVITA' PENSIONI ULTIMA ORA NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 10,44 oggi domenica Novembre): Oltre il nuovo metodo che potrebbe essere anticipato a sorpresa come abbiamo detto sotto, i prossimi giorni avranno numerose novità per le pensioni vedendo il calendario ad oggi domenica 1 Novembre in base alle ultime e ultimissime notizie. Tra lunedì e martedì, inizierà, infatti, la discussione in Senato della maovra e nello stesso tempo la Commissione Bilancio dovrà dare il suo parere sulle coperture e fondi tema che interessa molto le pensioni. E sempre rimanendo nelle Aule isitituzionali, entro sabato, salvo ritardi, dovranno essere presentati gli emendamenti ufficiali che andranno in discussione e al voto in aula tra cui il più atteso è sicuramente quello del nuovo metodo da applicare subito per tutti per uscire prima. Nuovo metodo basato principalmente su quota 100 e come abbiamo detto definito nei tempi e nei fondi, ovvero di carattere sperimentale.

NOVITA' PENSIONI ULTIMA ORA NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 21:07 oggi sabato 31 Ottobre): Abbiamo visto come i numeri positivi e negativi indicano che è ora delle novità per le pensioni, di cambiare qualcosa. E sempre oggi sabato 31 Ottobre, emergono ultime e ultimissime notizie in riferimento ai prossimi giorni con gli eventi e appuntamenti ufficiali oltre alcuni a sorpresa che potrebbero interessare le pensioni. E tra le novità a sorpresa sono da sottolineare i miglioramenti che probabilmente saranno richiesti direttamente dal Senato con un metodo nuovo sperimentale e la risposta dei Ministri competenti alla richiesta di parere tecnico quota 100 che pare stia per arrivare, anche se non è così sicuro totalmente.

NOVITA' PENSIONI ULTIMA ORA NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 13:41 oggi sabato Ottobre): Numerosi sono come abbiamo detti i numeri che spingono a novità sulle pensioni anche gli ultimi pubblicati oggi su un Pil migliore del previsto nel medio-lungo periodo affermato da diversi Ministri tra cui quello dell'economia che si dovrebbe attestare tra l' 1,5% e il 1,9% di aumento. Un Pil positivo è sempre stato richiesto dallo stesso Ministro e tecnici della Ragioneria per fare cambiamenti sulle pensioni in quanto permette ovviamente di avere risorse in più. E poi un Prodotto interno lordo in crescita aiuta le aziende a fare nuovi investimenti che comportano spesso nuove assunzioni e l'esigenza di cambio intergenerazionale. E così strumenti come UNA VERA staffetta, non quella proposta, sono richiesti e molto utili come diceva la stessa Confidustria giovanile. Ora, poi, con il Pil in aumento si pososno fare anche diverse altre cose come il taglio delle tasse, che sembra una grande priorità, ma attenzione, che lo sta divenendo anche il sistema pensionistico che come ha detto l'INPS questa settimana rischia di fare molta fatica a reggere nei prossimi anni.

NOVITA' PENSIONI ULTIMA ORA NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 10,12 oggi sabato Ottobre): Si parla tanto delle novità sulle pensioni ma le parole sono come il vento. In realtà, come vedremo oggi sabato 31 Ottobre, sono tanti, tantissimi i numeri, i dati, le statistiche e anche i rapporti elaborati dagli esperti su questi che continuano ad essere tra le ultimissime notizie che mostrano come sia assolutamente necessario fare modifiche. Numeri e statistiche che si ripetono da almeno un anno, seppur diversi, e che nell'ultimo mese ancora di più. E nonostante alcuni dati economici e anche le previsioni nel medio periodo sono diventate positive le necessità sulle pensioni non sono cambiate. Anzi, questi dati sono una ulteriore base per prendere le decisioni tanto attese. Alcuni numeri li abbiamo visti nel paragrafo dedicato alle pensioni sotto, ma ne pubblicheremo molti altri nel corso della giornata di oggi (segue....)

L'introduzione di novità sulle pensioni viene resa più urgente dalle ultime notizie aggiornate a oggi venerdì 30 ottobre 2015 sulla spesa previdenziale e assistenziale.

Pensioni. Se c'è bisogno di un riscontro scientifico sulla necessità di prevedere novità sulle pensioni, c'è solo l'imbarazzo della scelta. Basta ad esempio dare uno sguardo alle ultime notizie che arrivano dal Rapporto sugli ammortizzatori sociali della Uil, secondo cui siamo davanti a un saldo negativo di 14,6 miliardi di euro tra ammortizzatori sociali, cassa integrazione, Aspi, mini Aspi e disoccupazione. Numeri che fanno il paio con quelli delle pensioni anticipate: 109.000 primi 9 mesi di quest'anno. Il punto è che il governo non riesce a intervenire sulle pensioni per la mancanza di solide coperture economiche.

Basti pensare che le misure previste con la manovra saranno finanziate con un nuovo taglio all'indicizzazione degli assegni più elevati. La misura scatterebbe solo nel 2017 e l'esecutivo giura di stare facendo di tutto per reperire risorse alternative ed evitarla. C'è però la novità del via libera dell'Unione europea a un ulteriore aumento del deficit per via dei costi sostenuti dalle imprese. In ballo ci sono circa 3 miliardi di euro. Ma come verranno investiti? Ci sarà spazio per le pensioni ovvero per misure che favoriscano un turn over generazionale nei posti di lavoro?

Riforma partita Iva. Solo quando sarà varata la versione definitiva della manovra finanziaria saranno certe le nuove regole sulle partite Iva. L'esperienza degli anni passati invita a non escludere sorprese dell'ultimo minuto. Il governo Renzi ha intenzione di introdurre misure di tutela generiche per tutti i lavoratori autonomia, tra cui quella dei pagamenti certi e secondo tempistiche precise da parte dei committenti, e la deducibilità di tutte le spese per la formazione.

Amnistia, indulto. Siamo davanti a una piccola svolta poiché la prossima settimana dovrebbe finalmente essere calendarizzato l'esame dei disegni di legge su amnistia e indulto. In particolare, la proposta sull'indulto, che vede come primi firmatari i senatori Compagna e Manconi, prevede l'innalzamento della soglia a quattro anni, contemplando la sua concessione nella misura non superiore a cinque anni per gli affetti da determinate patologie gravissime. Tra gli ambiti oggettivi di esclusione si è aggiunto l'articolo 644 del codice penale, quello sull'usura.

Riforma tasse. La manovra finanziaria prevede il taglio dell'Ires, l'imposta sul reddito delle società, dal 27,5% al 24,5% nel 2017 e al 24% nel 2018. Se venissero scomputate le spese per l'emergenza immigrazione, rispetto a cui è arrivato il primo via libera informale da parte di Bruxelles, tutta la manovra sarebbe anticipata di un anno. Dalle pieghe del documento è poi spuntata anche una sanatoria sugli immobili delle società lasciati in godimento ai soci, pesantemente penalizzati dal 2011 sul piano fiscale. Gli immobili potranno essere ceduti ai soci con tasse molto ridotte.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il