BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tfa nuovo terzo ciclo, Concorso scuola 2016, Concorso dirigenti: prospettive attuali bando, assunzioni, requisiti in decisione

Bandi e prove per nuovi concorsi di scuola e dirigenti e terzo ciclo del Tfa: ultime informazioni e rquisiti necessario per accedervi




Circa 90mila i posti disponibili per il prossimo concorso della scuola le cui assunzioni partiranno a settembre 2016 e si concluderanno entro il 2018. Secondo quanto previsto dall'articolo 110 della Legge 107/2015, ‘A decorrere dal concorso pubblico di cui al comma 114, per ciascuna classe di concorso o tipologia di posto possono accedere alle procedure concorsuali per titoli ed esami, di cui all’articolo 400 del testo unico di cui al decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, come modificato dal comma 113 del presente articolo, esclusivamente i candidati in possesso del relativo titolo di abilitazione all’insegnamento e, per i posti di sostegno per la scuola dell’infanzia, per la scuola primaria e per la scuola secondaria di primo e di secondo grado, i candidati in possesso del relativo titolo di specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità’.

Potranno, dunque, partecipare al concorso solo i candidati abilitati all’insegnamento Tfa, Pas ed ex Ssis relativa alla classe per la quale si concorre, ma anche i docenti di ruolo già assunti a tempo indeterminato nelle scuole statali, come ha deciso il Tar, mentre dovrebbero essere esclusi dalla partecipazione al concorso i laureati entro l’anno scolastico 2001-2002, che però in un primo momento, in base a quanto stabilito dalla Buona Scuola avrebbero dovuto parteciparvi; e gli insegnanti che hanno già 36 mesi di servizio.

Una delle principali novità di questo concorso riguarda la definitiva eliminazione del test preliminare per gli aspiranti docenti delle scuole medie e superiori, possibilità ancora incerta, invece, per coloro che intendono candidarsi come insegnati nelle scuole del’infanzia e nelle scuole elementari. Avrà inoltre particolare peso la prova pratica rispetto a quella teorica e quella di lingua inglese.

Passando, invece, al terzo ciclo del Tfa che partirà a gennaio 2016 potrebbe essere l’ultimo ad abilitare gli aspiranti docenti all’insegnamento. Una volta conclusosi, infatti, il percorso di formazione iniziale degli insegnanti potrebbe cambiare e già all'Università con l’attivazione, presso le Università e le Accademie, di corsi di Laurea magistrale e corsi di Diploma di laurea di secondo livello, coerenti con le classi disciplinari di concorso.

Nell’attesa che vengano definite queste future e possibili novità, sono ormai certi i requisiti di accesso per partecipare al terzo ciclo del Tfa. Bisogna, infatti, aver conseguito una laurea vecchio ordinamento e sostenuto esami necessari all’insegnamento; una laurea specialistica/magistrale riconosciuta e crediti necessari all’insegnamento; o un diploma Isef valido per l’insegnamento per il Tfa di Scienze Motorie. Possono accedere al nuovo Tfa anche i congelati Ssis in soprannumero e i docenti di ruolo o già in possesso di abilitazione per una classe di concorso diversa da quella che intendono conseguire.

Insieme a nuovo concorso della scuola e terzo ciclo del Tfa, ci si prepara anche al nuovo per dirigenti scolastici. I posti disponibili saranno tra i 400 e i 600 e sono diverse le fasi previste: si parte da una prova di preselezione solo se i candidati saranno di più rispetto ai posti disponibili, precisamente un numero superiore a 5 volte rispetto ai posti che verranno banditi. Seguiranno una prova scritta e una orale e un corso di formazione che prevede anche una selezione finale. Dal testo dovrebbero scomparire domande di lingua inglese e informatica, le cui conoscenze saranno valutate in sede di prova orale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il