BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu, Tasi prima casa, seconda, affitto, Canone Rai 2016 bolletta, bonus ristrutturazione casa: novità e cambiamenti emendamenti

Continua a essere alta l'attenzione sui temi caldi della manovra finanziaria come la cancellazione di Imu e Tasi e il nuovo canone Rai 2016.




La manovra finanziaria del valore di circa 26,5 miliardi prevede l'abolizione della tassazione sulla prima casa, ad eccezione delle abitazioni signorili (categoria catastale A1), ville con giardino (A8), palazzi e castelli storici (A9). Queste ultime erano state incluse nella cancellazione ma sono poi state escluse dopo la rivolta anche all'interno del Partito democratico. La partita, almeno a livello di discussioni, è aperta, come dimostrato dalle riunioni con i gruppi parlamentari del Pd e con le Regioni. Nei due faccia a faccia, il premier ha difeso le scelte mentre la minoranza del Nazareno sta preparando emendamenti di correzione.

Un altro tema caldo al centro dell'attenzione è quello del canone Rai. Le coordinate del governo sono chiare: lo pagano tutti gli intestatari di una utenza domestica sulle prime case, sia di proprietà e sia in affitto, attraverso la bolletta elettrica e purché si sia in possesso di un televisore. A preoccupare è l'intenzione di non prevedere la rateizzazione dell'importo almeno in questo 2016. Il rischio è naturalmente quello di una impennata della morosità. Sembra invece che ci sia una convergenza di vedute sula proroga per tutto il 2016 dell'ecobonus al 65% e del bonus ristrutturazioni al 50% per rilanciare l'edilizia privata, anche se c'è chi invoca una stabilizzazione.

A lanciare l'allarme sugli effetti negativi della manovra finanziaria sui bilanci degli enti locali sono state le Regioni. I particolare, durante l'audizione in commissione Bilancio al Senato, il governatore del Piemonte e presidente della conferenza Stato Regioni ha spiegato che i tagli dal 2017 al 2019 configurano una situazione che mette a rischio la sopravvivenza del sistema Regioni. A suo dire, due terzi della spending review sono a carico proprio delle regioni. In buona sostanza nel solo 2016 si tratta di circa 4 miliardi di euro di risparmi, su un totale di 5,9 miliardi di euro.

A esprimere perplessità contro la recenti decisioni del governo, anche e soprattutto in riferimento al taglio della Tasi per tutti e dell'Imu sulle prime case, è stata la magistratura contabile. Secondo il suo presidente, la manovra finanziaria usa al massimo i margini di flessibilità, riduce esplicitamente i margini di protezione dei conti pubblici, lascia sullo sfondo nodi irrisolti e questioni importanti. Si tratta di critiche che si affiancano a quelle delle Banca d'Italia secondo cui anziché cancellare la Tasi sarebbe stato meglio ridurre le tasse sui fattori produttivi, dell'ufficio parlamentare di Bilancio, scettico sulle coperture e sulle previsioni ottimistiche del governo, e perfino dell'Istat, secondo cui l'impatto delle misure è nullo sul versante della lotta alla povertà.

Ristrutturazione Casa BONUS e DETRAZIONI. Vediamo quali sono i bonus, le detrazioni e le agevolazioni fiscali disponibili ora per la ristrutturazione di immobili di proprietà, in affitto e per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il