BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui prima casa migliori tassi fissi e variabili offerte novembre 2015: confronto più convenienti

Sono tante le opzioni a disposizione di singoli, famiglie e giovani coppie per accendere un mutuo a tasso fisso e variabile a novembre 2015.




Come stanno cambiando le proposte di mutuo a tasso fisso e variabile in questo mese di novembre 2015? Quali sono le occasioni migliori da prendere in considerazioni per singoli, famiglie e giovani coppie? Che Banca! del gruppo Mediobanca basa il suo mutuo a tasso fisso su spread da 1,30% su Eurirs fino al 50% del valore della casa per 25 anni, ma solo fino al 30 novembre 2015. Naturalmente con il mutuo a tasso variabile, l'ammontare della rata segue l'andamento dei tassi di interesse mentre con mutuo risparmio è possibile abbassare la rata grazie alle somme depositate sul conto collegato. Infine, con mutuo variabile con CAP è possibile fissare un tetto massimo in caso di rialzo dei tassi

Prima di chiedere un mutuo è opportuno valutare con attenzione il proprio reddito soprattutto in prospettiva e determinare la propria disponibilità mensile una volta sottratte le spese ordinarie. È ragionevole che la rata non superi un terzo del proprio reddito disponibile, per poter far fronte alle spese correnti, a quelle impreviste e a possibili riduzioni di reddito causate, come malattia, infortunio, licenziamento.

Chiunque può richiedere un mutuo, purché possa dimostrare di essere in grado di restituire nel tempo la somma avuta in prestito. In generale, l'intermediario concede un importo che non supera l'80% del valore dell'immobile da acquistare, stabilito in base alla perizia effettuata da un esperto. A volte gli intermediari concedono mutui che vanno anche oltre l'80% del valore dell'immobile, ma richiedono maggiori garanzie e spesso applicano condizioni meno favorevoli.

Tra le novità si segnala Mutuo valore italia Giovani di Unicredit. Disponibile sia con tasso fisso sia variabile, ci sono alcune condizioni ben precise: possono accenderlo solo gli under 40 (nel caso di cointestazioni viene considerata l'età del più anziano), l'importo minimo concedibile è di 30.000 euro, quello massimo fino all'80% del valore dell'immobile offerto in garanzia, ma estendibile fino al 100% attivando il "Fondo di garanzia per i mutui prima casa" per importi non superiori a 250.000 euro, senza tenere conto dalla tipo di contratto di lavoro. Le modalità di rimborso sono con addebito automatico in conto corrente, periodicità mensile delle rate, preammortamento solo tecnico dall'erogazione alla decorrenza dell'ammortamento, metodo alla francese dell'ammortamento a partire dal primo giorno del mese successivo all'erogazione.

Le caratteristiche del Mutuo Domus offerta Superflash di Intesa San Paolo sono età tra i 18 e i 35 anni non compiuti dei contraenti, tasso fisso o variabile, durata tra i 10 e i 40 anni con tasso fisso; tra i 10 e i 30 se a tasso variabile, oltre il periodo di preammortamento, possibilità di sospensione rate fino a 6 mesi consecutivi, opzione di abbreviare o estendere la durata del finanziamento per un massimo di 10 anni, ma solo 5 anni nel caso di tasso fisso. Nel caso in cui ad accenderlo sia un lavoratore atipico, il mutuo è assistito dalla Polizza Lavoratori Atipici di durata decennale e senza costi aggiuntivi per il cliente.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il