BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tfa nuovo e Concorso scuola 2015-2016: trattative bando proseguono e contestazioni. Miur invia ultimo passaggio a Ragioneria

Ancora attesi chiarimenti precisi su prossimo concorso della scuola 2015-2016 ed è sempre caos sui requisiti per parteciparvi: bando entro fine novembre




Il terzo ciclo del Tfa partirà a gennaio 2016 e per quanto riguarda i requisiti necessari per prendere parte alle prove è stato chiarito che bisogna aver conseguito una laurea vecchio ordinamento e aver fatto esami necessari all’insegnamento; o una laurea specialistica/magistrale riconosciuta e crediti necessari all’insegnamento; o aver conseguito un diploma Isef valido per l’insegnamento per il Tfa di Scienze Motorie; o titoli di studio non rientranti in quelli previsti dal d.m. 39/98 e 22/2005 ma ad essi equipollenti.

Inoltre, possono partecipare al terzo ciclo del Tfa anche i congelati Ssis in soprannumero e i docenti di ruolo o già in possesso di abilitazione per una classe di concorso diversa da quella che intendono conseguire. Per quanto riguarda il concorso della scuola, sono diverse le ultime novità. Innanzitutto il bando, come detto dal Miurs, sarà pubblicato entro la fine del mese di novembre e non più il primo dicembre e, una volta pubblicato, la domanda di partecipazione dovrà essere presentata attraverso il sistema Istanze Online del Miur nei tempi che saranno comunicati una volta reso noto il bando.

Il nuovo concorso sarà bandito non per i 90mila posti di cui si era parlato fino a qualche giorno fa ma per 63.700 posti, suddivisi in 6.800 per la scuola dell’infanzia, 15.900 per la primaria, 13.800 per le medie e 16.300 per la secondaria di secondo grado. I restanti posti, 10.900 circa, saranno destinati agli insegnanti di sostegno e a quelli che rimasti dalla fase C della piano di stabilizzazione avviato già. Nel piano assunzioni del triennio 2016-2018, rientrano anche i circa 30mila precari inseriti nelle graduatorie a esaurimento che non sono stati immessi in ruolo quest’anno, arrivando così a oltre 93mila posti vacanti.

E’ ancora caos sui requisiti necessari per accedere al nuovo concorsone: si parlava di posti riservati esclusivamente ai docenti abilitati Tfa e Pas. E così dovrebbe essere, ma potrebbe arrivare un’ennesima beffa a causa di possibili ricorsi che potrebbero piovere, considerando che la nuova riforma della Scuola prevedeva, per iscritto, la partecipazione al nuovo concorso a tutti, anche ai semplici laureati e a chi è già di ruolo e con contratto a tempo indeterminato. Dalla parte dell’inclusione di tutti alla partecipazione del nuovo concorso della scuola, anche l'intervento del SAESE che ha ricordato un ricorso europeo per per far valere ad un suo assistito la propria laurea non solo come titolo d'idoneità ma anche come titolo di abilitazione, per cui anche i laureati e i non-abilitati devono avere la possibilità di partecipare al concorso a cattedra 2015-2016. Si attende ora l’ultimo passaggio della Ragioneria di Stato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il