BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie verso richiesta ufficiale legge delega finalmente per novità pensione anticipata, quota 100, mini pensioni

Commissione Lavoro presenta legge delega al governo con richieste di novità necessarie per le pensioni: misure contenute e cosa e quando potrebbe realmente cambiare




Nonostante novità proposte, piani Inps, e discussioni decisamente ancora aperte sulle pensioni, nulla di concreto è stato al momento fatto in merito alle richieste presentate nel corso di questi mesi, ad eccezione dei provvedimenti minimi approvati nella nuova Manovra. Si tratta, però, di misure che in tanti hanno considerato inefficaci e poco vantaggiose tanto che si preparano ad arrivare emendamenti migliorativi, tanto per la proroga del contributivo donna, limitato solo a quest’anno ma che si vorrebbe prorogare almeno fino alla fine del 2016, quanto per la staffetta ibrida per gli over 63, limitata ai lavoratori del settore privato ed esclusivamente in base ad accordi con i datori di lavoro, per cui si chiede l’estensione a tutti attraverso l’aumento di nuovi fondi e cancellando il vincolo di accordo col datore di lavoro.

Le ultimissime notizie, però, riportano il via libera della Commissione Lavoro alla presentazione della legge delega che chiede al governo impegni certi e precisi sulle pensioni e per cui se non arriverà alcuna risposta, sarà presentato un emendamento che verrebbe messo al voto in Senato o più probabilmente alla Camera. Era da settimane che si spingeva per la presentazione di una legge delega nella nuova Manovra, misura che rappresenta la garanzia che qualcosa si farà effettivamente sulle pensioni, in modo da realizzare novità reali per tutti.

Le richieste contenute nella legge delega presentata dalla Commissione Lavoro del Senato riguardano, in particolare, la cancellazione delle ricongiunzioni onerose e meccanismi per l’uscita prima di tutti. In quest’ultimo caso, saranno valutati diversi meccanismi. Superati probabilmente i piani di quota 100, mini pensione, contributivo, singoli, si potrebbe pensare a piani ibridi, come l’ultimo in ordine di arrivo di un contributivo donna alleggerito nelle sue alte penalizzazioni dell’erogazione di una mini pensione e da estendere anche agli uomini. Possibile anche il piano ibrido Renzi-Boeri, che sarebbe a costo zero per lo Stato e completamente a carico dei cittadini.

Dubbi sull’assegno universale che, però, dopo le ultime affermazioni del presidente dell’Inps potrebbe anche essere più probabile. In generale, comunque, la legge delega impegna il governo a presentare nel 2016 un disegno di legge con disposizioni utili per rivedere l’attuale legge pensioni, sia per quanto riguarda la sostenibilità finanziaria del sistema; per cancellazione di ricongiunzioni onerose e la semplificazione del cumulo; per il versamento volontario del Tfr o gli accantonamenti nei fondi complementari; e per le uscite anticipate con penalizzazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il