BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Investimenti sud, Canone Rai, pensioni, Imu, Tasi prima casa, seconda casa, affitto, terreni: novità oggi sabato

Proposta via emendamento l'abolizione del pagamento di Imu e Tasi anche sulle seconde case concesse in comodato a parenti di primo grado.




Come raccontato dalle ultime notizie aggiornate a oggi sabato 8 novembre 2015, le pensioni continuano a rimanere al centro dell'attenzione anche per via di una serie di emendamenti correttivi alla manovra.

Pensioni. Le novità sulle pensioni inserite dal governo sulle pensioni non convincono la minoranza del Partito democratico, pronta a presentare una serie di emendamenti correttivi. A non convincere c'è la proroga di un solo anno del contributivo donna, rispetto al quale l'idea è di rendere la misura strutturale oppure di eliminare la distinzione tra autonome e dipendenti. Dubbi anche sulla staffetta ibrida per via delle poche risorse messe a disposizione che non sarebbero in grado di soddisfare tutti gli eventuali beneficiari. Stando alla proposta del governo, i 63enni a cui mancano tre anni dal congedo, possono concordare il part time con il datore di lavoro, conservando il versamento di tutti i contributi. Non è previsto l'obbligo del ricambio generazionale.

Investimenti sud. Le basi sono già state lanciare: 15 Patti per il Sud, uno per ognuna delle 8 regioni - Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia - per ognuna delle 7 città metropolitane - Bari, Cagliari, Catania, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Taranto - con lo scopo di definire interventi, azioni da intraprendere, tempistiche e responsabilità.

Canone Rai. A fare discutere è la decisione di fare pagare nel 2016 il canone in una sola soluzione già a febbraio, senza la possibilità di rateizzazione. Il timore è l'aumento della morosità considerate le percentuale di chi già adesso ha difficoltà a corrispondere l'importo richiesto per il consumo dell'elettricità. Fino a questo 2015, il versamento deve essere effettuato entro il 31 gennaio, ma il contribuente può scegliere la doppia rata, il 31 gennaio e il 31 luglio, o addirittura la distribuzione dell'importo in quattro: il 31 gennaio, il 30 aprile, il 31 luglio e il 31 ottobre.

Imu, Tasi. La novità dell'ultim'ora è rappresentata dalla proposta del Nuovo Centrodestra di cancellare il pagamento di Imu e Tasi anche sulle seconde case concesse in comodato a parenti di primo grado e dunque anche e soprattutto ai figli. Alla base di questa proposta ci sono anche i dati aggiornati dell'Istat, secondo cui quasi due milioni e mezzo di famiglie italiane, equivalenti al 9,6% del totale, vivono in una casa concessa a titolo gratuito. Peccato solo che l'ipotesi avanzata non sia stata accompagnata dall'impatto economico sui conti pubblici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il