BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità non dette positive e negative quota 100, mini pensioni piano INPS, riforma cibi: ultime martedì oggi

Nuovi dettagli e indicazioni per le novità delle pensioni dal piano dell'Istituto Previdenza, mentre si procede la riforma dei Comuni e della sicurezza dei cibi




Il nuovo progetto pensioni dell’Inps riprende in parte la strategia iniziale del premier di divisione tra spesa assistenziale e previdenziale con novità per le pensioni e il welfare che continuano a trapelare con maggiori dettagli anche oggi martedì 10 Novembre sia positivi che negative dalle ultimissime e ultime notizie, mentre Adiconsum preme per ulteriori informazioni che completino quelle presenti sulle etichette degli alimenti. Possibile nuovo annuncio seconda operazione Qe da parte del presidente della Bce Draghi.

Pensioni quota 100, mini pensioni: Assegno universale per gli over 55, anticipo dell’età pensionabile, revisione delle prestazioni sociali e divisione tra spesa assistenziale e spesa prettamente previdenziale: queste alcune delle novità annunciate dal presidente dell’Inps. Dopo il nulla di fatto nella nuova Manovra 2016 che ha previsto solo provvedimenti minimi per le pensioni, il presidente dell’Inps, ancora una volta, ha deciso di andare avanti per la sua strada da solo, l’unico che finora è riuscito a trasformare ogni annuncio in realtà, come la busta arancione, e che ha diviso il mondo politico. Il nuovo progetto Inps prevede, nel dettaglio, anticipo della pensione non basato su qyota 100 ma a 63 anni e 7 mesi di età con 20 anni di contributi e penalità sull'assegno finale da calcolare in base a diversi criteri ma non oltre il limite del 10%; cancellazione delle ricongiunzioni onerose; assegno universale a partire da 500 euro per gli over 55 e modulato a seconda della composizione del nucleo familiare; contributo di solidarietà sulle pensioni più elevate, ma anche riorganizzazione di alcune prestazioni sociali dalla pensione sociale, alle maggiorazioni sociali per gli over 64, alla quattordicesima, e divisione, dunque, di spesa assistenziale da spesa prettamente previdenziale. La revisione delle prestazioni assistenziali degli over 65 anni, che oggi finiscono anche al 30% della popolazione con i redditi più alti, taglio dei vitalizi e delle pensioni sindacali, revisione delle prestazioni assistenziali di 250mila famiglie ricche, porterebbero, secondo le stime, ad un risparmio di 87 milioni di euro, utili per finanziare assegno universale e misure per abbassare l’età pensionabile per tutti. Divisione della spesa assistenziale e previdenziale e revisione delle prestazioni sociali riprendono di fatto l’iniziale strategia di lavoro del premier, quando, prima di procedere a cambiamenti previdenziali positivi, aveva pensato di agire con cambiamenti negativi e tagli per baby pensioni, pensioni di invalidità, reversibilità, guerra, per poi procedere ad una revisione delle prestazioni sociali per le famiglie, necessarie proprio per recuperare ulteriori fondi da destinare ad altre iniziative. E se così fosse, sarebbe plausibile l’appoggio al nuovo progetto da parte del ministro dell’Economia, finora però rimasto in silenzio.

Qe Draghi: Il presidente della Bce Draghi si prepara a far partire la seconda fase dell'operazione di Qe. Draghi dovrà valutare se il piano di quantitative easing (QE) in corso è ancora adatto a stimolare la crescita dell’Eurozona o se se sarà opportuno amplificarne durata e intensità alla riunione di politica monetaria di Dicembre. Dopo la conferma della presidente della Federal Reserve Yellen, secondo cui la banca centrale americana valuterà il rialzo dei tassi di interesse a Dicembre in dipendenza dai prossimi dati macroeconomici, la Bce ricorda al mercato che il Qe è una possibilità sul tavolo che il Consiglio Direttivo è pronto ad esaminare a Dicembre.

Riforma sicurezza cibi: Non bastano le etichette alimentari per garantire sicurezza dei cibi in vendita. Secondo Adiconsum, infatti, oltre le etichette, servono programmi alimentari di ampio respiro che coinvolgano tutti, dai consumatori ai produttori, da preparatori ai distributori e si tratta di informazioni più profonde che devono essere date soprattutto all’indomani dell’ultimo allarme lanciato dall’Oms sui pericoli delle carni rosse e degli insaccati. Il presidente nazionale di Adiconsum Giordano ha spiegato che “La sicurezza degli alimenti non è solo un problema di correttezza delle etichette. L’etichetta è sì uno strumento prezioso per il consumatore, ma non è tutto. Occorrono, a nostro avviso, campagne di educazione alimentare che vedano il coinvolgimento di tutti gli stakeholders, dai consumatori ai produttori, ai preparatori ai distributori ai venditori ai somministratori degli alimenti. In particolare, in relazione agli allarmismi di questi giorni sulle carni rosse vogliamo richiamare l’attenzione sull’importanza della nostra dieta mediterranea, che vede privilegiare alimenti di origine vegetale, quali cereali e derivati, frutta, verdure, ortaggi,  olio d’oliva ed anche la pasta, alimenti di grande importanza per la nostra salute, purché di qualità e consumati nelle giuste quantità”.

Riforma Comuni: Via libera dal Cdm al ddl Salva Comuni che dovrebbe sciogliere diversi nodi per i municipi. Nel decreto legge dovrebbe esserci la sanatoria delle delibere sui tributi locali (Imu, Tasi, Tari e addizionali) approvate dopo il 30 luglio, altrimenti i Comuni sarebbero stati costretti ad applicare sia per quest'anno che per l'anno prossimo le aliquote 2014. Altro problema da risolvere prima dell'entrata in vigore della manovra riguarda le centrali di committenza, che riguarda il coordinamento tra l'attuale disciplina, che dal primo novembre imporrebbe agli enti sotto i 10 mila abitanti di fare ricorso alle centrali per acquisti al di sotto dei 40 mila euro, e quella contenuta nel ddl di stabilità che prevede acquisti liberi fino a 40 mila euro per tutti i comuni indipendentemente dalla classe demografica. Toccherà al Senato pronunciarsi su questa misura su cui l'Anci chiederà il mantenimento dell'attuale disciplina che prevede un tasso di sostituzione al 60% per il 2015, destinato a crescere all'80% nel 2016 e al 100% nel 2017.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il