BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Concorso scuola nuovo 2015-2016 e TFA Terzo Ciclo: novità settimana

Ancora attesi chiarimenti ufficiali dal Miur per requisiti partecipazione al nuovo concorso della scuola 20-2016 e altre novità




Il prossimo anno potrebbe essere l’unico di avvio del Tfa come ciclo abilitativo all’insegnamento: ad annunciarlo il ministro stesso dell’Istruzione Giannini che, assicurando che il terzo ciclo del Tfa partirà come detto dal prossimo gennaio, ha anche fatto sapere che dall’anno successivo potrebbero essere attivati direttamente presso Università e Accademie percorsi di studio propedeutici all’insegnamento e specifici. Nessun dubbio sui requisiti necessari per accedere al prossimo Tfa.

Confermate, infatti, una laurea vecchio ordinamento e aver fatto esami necessari all’insegnamento; una laurea specialistica/magistrale riconosciuta e crediti necessari all’insegnamento; o aver conseguito un diploma Isef valido per l’insegnamento per il Tfa di Scienze Motorie; o titoli di studio non rientranti in quelli previsti dal d.m. 39/98 e 22/2005 ma ad essi equipollenti.

Ma al terzo ciclo del Tfa possono prendere parte anche i congelati Ssis in soprannumero e i docenti di ruolo o già in possesso di abilitazione per una classe di concorso diversa da quella che intendono conseguire. Si attendono invece ancora chiarimenti effettivi e ufficiali dal Miur sui requisiti certi per accedere, invece, al concorso della scuola 2015-2016. Per i requisiti necessari, infatti, si parlava di posti riservati esclusivamente ai docenti abilitati Tfa e Pas, ma, considerando quanto riportato nella nuova riforma della Scuola che prevedeva la partecipazione al nuovo concorso a tutti, anche ai semplici laureati e a chi è già di ruolo e con contratto a tempo indeterminato,. Per evitare ricorsi è possibile che il concorso venga aperto a tutti.

Chiariamo poi che il bando, contrariamente a quanto detto qualche settimana fa, sarà pubblicato entro la fine di novembre e non più il primo dicembre. Inoltre, il nuovo concorso sarà bandito non per i 90mila posti di cui si era parlato fino a qualche giorno fa ma per 63.700 posti, suddivisi in 6.800 per la scuola dell’infanzia, 15.900 per la primaria, 13.800 per le medie e 16.300 per la secondaria di secondo grado. I restanti posti, 10.900 circa, saranno destinati agli insegnanti di sostegno e a quelli che rimasti dalla fase C della piano di stabilizzazione avviato già.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il