BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie legge delega fondamentale finalmente si spinge per ottenerla. Sarebbe la garanzia di cambiamenti reali

Via libera dalla Commissione Lavoro alla legge delega per il governo: novità contenute, richieste e impegni sulle pensioni




E’ stata presentata ufficialmente al governo la richiesta di inserire nella nuova Manovra una legge delega per impegnare lo stesso governo a riprendere la discussione sulle pensioni in tempi certi e se non risponderà positivamente alla richiesta potrà essere presentato un emendamento in materia che verrebbe messo al voto in Senato o più probabilmente alla Camera.

Ottimi e condivisibili, come confermano le ultime notizie, i contenuti della legge delega che rappresenta, secondo molti, la garanzia che qualcosa si faccia concretamente sulle pensioni. L’obiettivo è superare annunci e promesse per arrivare alla realizzazione di novità reali per tutti.

Ciò che serve, infatti, è un cambiamento netto, non soltanto nella revisione dei requisiti per l’accesso alla pensione, ma anche nella riorganizzazione della gestione dell’intero sistema previdenziale, soprattutto all’indomani degli ultimi dati allarmanti sullo stato di salute delle pensioni stesse e delle truffe che continuano ad essere perpetrare ai danni dell’Inps.

Le richieste contenute nella legge delega presentata dalla Commissione Lavoro del Senato riguardano, in particolare, la cancellazione delle ricongiunzioni onerose, così come già nelle intenzioni del presidente dell'Inps, e rendere più facile l'uscita prima per tutti. Sono richieste non certo nuove ma su cui ora si spingerà perché vengano trasformate in realtà e se il governo non dovesse lavorarci entro l’anno, cosa che sembra sempre più difficile, sarà comunque obbligato a farlo a inizio del nuovo anno, con la speranza che, chiuse le partite sulle altre questioni del governo, ci si potrà effettivamente concentrare sulla questione previdenziale in ogni suo aspettto.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il