BusinessOnline - Il portale per i decision maker








TFA, Concorso scuola nuovo, Buono 500 euro aggiornamento docenti, Pagelle Scuola, Concorso dirigenti: tutte le novità oggi

Le ultime novità della riforma della Scuola 2015 entrate in vigore e ultime notizie su prossimi concorsi di scuola e per dirigenti e terzo ciclo Tfa




Si attende per questo mese di novembre il bando per il nuovo concorso per dirigenti scolastici per circa 400 posti. I requisiti per accedere al concorso prevedono avere almeno cinque anni di ruolo e aver conseguito un diploma di laurea quadriennale o quinquennale (a secondo dai corsi accademici) e non sono previsti limiti di età. Per quanto riguarda le prove del concorso, si dovrebbe partire da un test preselettivo, che si baserà su domande a risposta multipla di tipo chiuso, ma non verteranno più su temi di cultura generale, informatica ed inglese ma sugli stessi temi delle prove scritte.

Può accedere alla prima prova scritta, chi ha conseguito il punteggio minimo richiesto alla preselettiva, e dovrà elaborare un saggio generale sui temi di legislazione scolastica; la seconda prova scritta, invece, riguarderà il comportamento che bisogna tenere in casi pratici e problematici, sempre di legislazione scolastica. Superata la prova scritta, si passerà alla prova orale, che prevede la discussione delle prove scritte e di tematiche e problematiche di legislazione scolastica.

Il prossimo anno potrebbe essere l’unico di avvio del Tfa come ciclo abilitativo all’insegnamento: ad annunciarlo il ministro stesso dell’Istruzione Giannini che, assicurando che il terzo ciclo del Tfa partirà come detto dal prossimo gennaio, ha anche fatto sapere che dall’anno successivo potrebbero essere attivati direttamente presso Università e Accademie percorsi di studio propedeutici all’insegnamento e specifici. Nessun dubbio sui requisiti necessari per accedere al prossimo Tfa. Confermate, infatti, una laurea vecchio ordinamento e aver fatto esami necessari all’insegnamento; una laurea specialistica/magistrale riconosciuta e crediti necessari all’insegnamento; o aver conseguito un diploma Isef valido per l’insegnamento per il Tfa di Scienze Motorie; o titoli di studio non rientranti in quelli previsti dal d.m. 39/98 e 22/2005 ma ad essi equipollenti.

Ma al terzo ciclo del Tfa possono prendere parte anche i congelati Ssis in soprannumero e i docenti di ruolo o già in possesso di abilitazione per una classe di concorso diversa da quella che intendono conseguire. Si attendono invece ancora chiarimenti effettivi e ufficiali dal Miur sui requisiti certi per accedere, invece, al concorso della scuola 2015-2016. Per i requisiti necessari, infatti, si parlava di posti riservati esclusivamente ai docenti abilitati Tfa e Pas, ma, considerando quanto riportato nella nuova riforma della Scuola che prevedeva la partecipazione al nuovo concorso a tutti, anche ai semplici laureati e a chi è già di ruolo e con contratto a tempo indeterminato. E’ possibile che il concorso venga aperto a tutti.

Chiariamo poi che il bando, contrariamente a quanto detto qualche settimana fa, sarà pubblicato entro la fine di novembre e non più il primo dicembre. Le novità della scuola di quest'anno prevedono anche un bonus di 550 euro a disposizione dei docenti per la loro formazione. I 500 euro potranno essere spesi per corsi di formazione, abbonamenti a teatri, mostre, ecc. purchè si tratti di spese che possono essere dimostrate attraverso documenti come scontrini, fatture, ricevute. Cambiano anche i sistemi di valutazione delle scuola per cui saranno previste pagelle al pari degli studenti.

La nuova riforma della Scuola, infatti, introduce il Rav, rapporto di autovalutazione strumento di lavoro che tutte le scuole italiane (statali e paritarie) dovevano compilare per la prima volta entro il mese di luglio 2015 e che contiene risultati scolastici, risultati nelle prove standardizzate nazionali (INVALSI), competenze di cittadinanza, risultati a distanza, inclusione e differenziazione, integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il