Surroga mutuo novembre 2015 tasso fisso: offerte migliori per cambiare mutuo. Confronto tassi interessi, condizioni, spese

Sono tante le possibilità per la surroga di un mutuo a tasso fisso. Ecco alcune delle condizioni più interessanti a novembre 2015.

Surroga mutuo novembre 2015 tasso fisso:


Ancora un sguardo approfondito sul mercato dei mutui in questo mese di novembre 2015. Provando a fare l'esempio di surroga di un mutuo a tasso fisso per l'acquisto ventennale di un immobile del valore di 200.000 euro, il cui residuo è pari a 110.000 euro, la proposta di Intesa San Paolo prevede una rata da 588,27 euro ovvero tasso al 2,60% e Taeg al 2,72%. L'importo finanziabile, che non può essere inferiore a 50.000 euro, è pari alla somma per estinguere il mutuo originario e comunque non superiore all'80% del valore di perizia dell'immobile cauzionale. Per le domande di mutuo sottoscritte a novembre 2015, per mutui con importo finanziato inferiore o uguale al 50%, i tassi applicati sono dell'1,75% per durata di 6 anni, dell'1,75% per durata di 10 anni, dell'1,95% per durata di 15 anni, del 2,20% per durata di 20 anni, del 2,40% per durata di 25 anni, del 2,40% per durata di 30 anni.

Con Ubi Banca Popolare Commercio & Industria, rata di 601,83 euro per via di un tasso del 2,85% e di un Taeg del 2,91%. In questo caso, l'importo finanziabile non può superare l'80% del valore di perizia dell'immobile, fino a un massimo di 500.000 Euro e comunque non maggiore dell'importo della compravendita indicato nel rogito notarile. Per quanto riguarda le garanzie, di regola è prevista l'iscrizione ipotecaria di primo grado pari al 200% dell'importo finanziato. Gli immobili posti a garanzia devono essere in buone condizioni e sono escluse le proprietà prive di servizi essenziali e quelle ritenute non abitabili su parere del perito.

Alle stesse condizioni, la rata richiesta da Bnl è di 604,57 euro con tasso al 2,90% e Taeg al 2,93 %. Alla data della domanda, l'età minima è di 18 anni e la somma tra durata del mutuo ed età deve essere minore di 78. La proposta è destinata a lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato e a quelli autonomi. L'importo minimo richiedibile è di 50.000 euro, quello massimo è pari al 80% del valore dell'immobile. Di 609,67 euro è la rata di WeBank (tasso 2,99% e Taeg 3,03%). L'età massima dei richiedenti è di 60 anni e il mutuo deve concludersi entro il 75esimo anno di età. L'importo finanziabile è pari al debito residuo del mutuo da surrogare, purché compreso tra 80.000 euro e 1.000.000 euro e non superiore al 70% del valore di perizia dell'immobile. Per l'erogazione è richiesta la sottoscrizione di un conto corrente Webank con la stessa intestazione.

Ecco poi i 616,13 euro di Cariparma, frutto di un tassi al 3,11% e di un Taeg al 3,18%. Viene obbligatoriamente richiesta l'assicurazione incendio e scoppio, prima all'erogazione del finanziamento. I destinatari sono i privati che alla scadenza del mutuo hanno un'età massima di 75 anni, ma in caso di cointestazione è sufficiente che almeno uno dei contraenti non abbia superato questo limite. La durata del mutuo varia da 10 a 30 anni. Per quanto riguarda le garanzie, occorre mettere in conto l'ipoteca, anche di grado successivo al primo, con iscrizione ipotecaria pari al 150% dell'importo finanziato.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il