BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie in prossime fasi quale novità può ancora passare tra quota 101, quota 41, mini pensioni, staffetta

Nuovi metodi presentati per cambiare le pensioni e che continuano ad andare avanti: ultime notizie su possibilità di loro possibile approvazione




Sono stati presentati per cambiare le pensioni e non sono ancora stati bocciati, segno che probabilmente si tratta di nuovi metodi che potrebbero finalmente essere approvati, anche se le ultime notizie confermano ancora una grande incertezza di lavoro sulle pensioni. Diverse le posizioni, infatti, del mondo politico, tra chi continua a spingere sulla necessità di nuove misure immediate e urgenti e chi, invece, come il ministero dell’Economia, blocca ancora tutto, ribadendo l’importanza di mantenere ancora in vigore per un po’ le attuali norme previdenziale che continuano ad assicurare al nostro Paese sostenibilità finanziaria.

Ma le discussioni in vista dell’approvazione finale della Manovra 2016, che dovrà avvenire entro il 31 dicembre, proseguono discussioni e dibattiti previdenziali e si continuano a modificare le ipotesi di cambiamento. I nuovi metodi di cambiamento delle pensioni che vanno avanti sono principalmente tre e sono: piano quota 100 in due versioni, cioè con l’uscita a 64 anni e non più a 60 e con penalizzazioni al 12%, o con l’uscita a 62 anni, ma con penalizzazioni più alte, del 20%-30%; l’estensione del contributivo donna anche per gli uomini.

Quest'ultimo permetterebbe di andare in pensione a 62 anni con penalizzazioni alte o ricalcolo dell'assegno con metodo contributivo e in questo caso le alte penalizzazioni sarebbero alleggerite dalla mini pensione; e l'assegno universale con mini pensione, che prevede la possibilità di uscita tre anni prima per chi rimane senza lavoro con un assegno di circa mille euro che in parte dovrà essere restituito una volta maturata la normale pensione.

Il sistema di cambiamento al momento più fattibile sembra essere quello dell'assegno universale, nonostante non si tratti di una soluzione di prepensionamento per tutti ma di un aiuto per chi perde il lavoro in età avanzata ma non può ancora andare in pensione. E’ tra le ipotesi più fattibili soprattutto per adeguamento al modello europeo, considerando che si tratta di una misura già in vigore in quasi tutti gli altri Paesi europei. Al contrario dell’assegno universale con mini pensione, potrebbe, invece, essere eliminata la staffetta senza, però, un’alternativa valida.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il