BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Canone Rai in bolletta, Imu, Tasi, tasse, sblocco stipendi rinnovo contratti PA, pensioni: nuove leggi 2016 ufficiali si delineano

Ammonta a 300 milioni di euro la somma che il governo vuole stanziare per lo sblocco dei contratti degli statali degli uffici centrali.




Ci sono ancora incertezze sulle novità introdotte su pensioni, sblocco dei contratti degli statali, cancellazione di Imu e Tasi, canone Rai 2016 in bolletta, ma l'impianto di base è definito.

Canone Rai in bolletta. Il principale nodo di discussione sul canone Rai 2016 in bolletta è relativo ai tempi di pagamento. Almeno per il prossimo anno, l'intenzione del governo è di prevedere un versamento unico di 100 euro. La principale proposta di cambiamento prevede la suddivisione dell'importo in due rata da 50 euro. Dal 2017, poi, sarebbe in ogni caso prevista la rateizzazione in 6 parti di 16,66 euro ciascuna, sempre associate alle bolletta della luce.

Imu, Tasi. Se sulla cancellazione dell'Imu sulle prime case, tranne quelle di lusso e i castelli, e della Tasi, per tutti, dal 2016 non sembrano esserci dubbi, resta da scoprire se arriveranno fino in fondo le proposte di allargare l'abolizione delle tasse anche ai separati che hanno lasciato l'abitazione di proprietà all'ex coniuge e alle case in comodato ai figli. Almeno sulla seconda ipotesi, il governo non ha però nascosto le sue perplessità per via dei costi che si troverebbe a sostenere. In ballo c'è anche la proposta di un'aliquota tra Imu e Tasi non maggiore del 4 per mille nel caso di concessione delle case in canone concordato.

Sblocco stipendi rinnovo contratti PA. Il governo dice sì al rinnovo dei contratti degli statali, ma continua a non smuoversi da quei 300 milioni di euro che intende stanziare per i soli dipendenti pubblici degli uffici centrali. Tra le novità da segnalare nell'ambito della pubblica amministrazione, si segnalano i chiarimenti del ministro per la Funzione Pubblica Marianna Madia sul ruolo dei pensionati che svolgono consulenze nel comparto pubblico o che siedono nei consigli di amministrazione delle società partecipate. Ebbene, saltano la soglia di un anno di durata massima e il divieto di proroga o rinnovo della prestazione.

Pensioni. Continua a esserci molta distanza sul tema delle pensioni in sede di emendamenti alla manovra finanziaria. Messe da parte le proposte come quota 100, ricalcolo di tutti gli assegni con il contributivo, mini pensioni, le speranze di cambiamento sono per ora legate all'assegno da corrispondere ai lavoratori senza impiego per permettere loro di andare in pensione e quindi restituire l'importo percepito. Nel dettaglio, la somma da ridare allo Stato in piccole rate sarebbe pari al 75%. La proposta, accolta freddamente dalle parti del Ministero dell'Economia, è pensata per chi matura, entro il 31 dicembre 2017, i requisiti per andare in pensione e comunque entro cinque anni dalla presentazione della domanda. Via libera piuttosto dal governo alla staffetta ibrida per i lavoratori del settore privato, all'allargamento della no tax area e alla proroga di un anno del contributivo donna. Si registra aria di rottura anche all'interno della maggioranza che sostiene l'esecutivo con l'annuncio del voto negativo alla manovra da parte di quattro senatori del Nuovo centrodestra, pronti a migrare all'opposizione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il