BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità dopo no cambiamenti immediati con nuove prospettive emergenti, riforma aministia: novità oggi domenica

Le prospettive per le novità sulle pensioni e l'attesa per la riforma del Canone rai sui alcuni punti come pagamento, bolletta e multe. E si continua a lavorare sul tema dell'indulto.




AGGIORNAMENTO ULTIME NOTIZIE E NOVITA' OGGI SABATO ORE 13:22: Quali novità per le pensioni dopo il no ai cambiamenti sostanziali? Ad oggi domenica non sono ancora arrivati i cambiamenti dei relatori dei quali si conosce solo che saranno sei pacchetti ottenuti dopo aver fatto una sintesi dei cambiamenti richiesti da diverse parti dello stesso partito di maggioranza e i suoi alleati, oltre che dai Ministeri e relativi tecnici. In base alle ultime notizie e ultimissime rilasciate dagli stessi relatori ci dovrebbero essere solo miglioramenti increamentali e non sostanziali e su tematiche minori, non per le pensioni, statali, Imu, Tasi che sono rinviate alla Camera

Le ultime notizie a oggi domenica 15 novembre 2015 sulle pensioni parlano chiaro e riferiscono di un congelamento del confronto fino all'approdo della manovra alla Camera dei deputati. Ma le novità potrebbero non essere quelle sperate.

Pensioni. Il capitolo delle pensioni continua a essere centrale nel dibattito sui cambiamenti da introdurre nella manovra. La novità che fino a qualche giorno fase sembrava dovesse prendere corpo era l'introduzione di un assegno per l'accompagnamento all'accesso al trattamento previdenziale dei lavoratori senza impiego a cui mancano pochi anni per la maturazione dei requisiti previsti dall'attuale legge previdenziale. Di fatto, però, la situazione è congelata e se ne riparlerà solo dopo che la manovra approderà alla Camera dei deputati. Relatori del Partito democratico e sinistra dem hanno deciso di rinviare l'analisi a dopo il 20 novembre, giorno entro il quale l'esecutivo vuole il primo via libera di Palazzo Madama.

In ogni caso non ci saranno grandi stravolgimenti. La base di partenza è rappresentata dai miglioramenti da apportare alle modifiche inserite nella manovra ovvero la stabilizzazione del contributivo donna per le lavoratrici che intendono lasciare l'occupazione con qualche anno di anticipo in cambio del ricalcolo dell'assegno con il contributivo, la cosiddetta staffetta ibrida, rispetto alla quale potrebbe essere allargata la platea dei beneficiari, oltre a prevedere un vero turn over con nuove assunzioni, l'aumento della no tax area dal prossimo anno e non dal 2017.

Imu, Tasi. C'è la comunanza di vedute sulla cancellazione di Imu e Tasi 2016, ma questi sono anche i giorni del caos in vista del pagamento della seconda rate delle imposto entro il 16 dicembre di quest'anno. La ragione è molto semplice e va ricercata nelle delibere su aliquote e detrazioni che 866 Comuni italiani hanno approvato dopo la scadenza del 30 luglio. Da qui il cambiamento proposto di una sanatoria per farle entrare in vigore, ma di fatto non lo saranno prima del 2016. Stando così le cose, le 2.162 delibere complessive sono destinate a non avere alcun valore fino alla fine di quest'anno.

Indulto, amnistia. Non c'è ancora la calendarizzazione dell'esame dei disegni di legge su amnistia e indulto, ma sul versante giustizia si segnala l'esame del consiglio dei ministri di due decreti legislativi che disciplinano il passaggio a illeciti amministrativi di una serie di reati contenuti nel codice penale. In ballo c'è una clausola generale di depenalizzazione che interessa tutti i reati ora sanzionati da leggi speciali con la pena pecuniaria, mentre per quanto riguarda le modifiche al codice penale i casi di depenalizzazione sono citati in maniera espressa.

Canone Rai. Si rafforza il fronte di chi vuole la rateizzazione del canone Rai 2016 in bolletta. In fin dei conti, per il pagamento dei canone di quest'anno è prevista la possibilità della suddivisione in 4 rate mentre dal prossimo anno, l'esecutivo ha intenzione di prevedere un versamento unico. Il compromesso si potrebbe raggiungere con la previsione di due rate

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il