BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie su coperture extra concesse per le novità sulle pensioni o tasse l'Unione Europea si è espressa ufficiale

L'Unione Europea ha comunicato oggi ufficialmente la disponibilità dei fondi extra deficit che l'esecutivo potrebbe decidere se utilizzare per le novità sulle pensioni




AGGIORNAMENTO ULTIME NOTIZIE E NOVITA' SU PENSIONI oggi martedì 17 Novembre (ore 12,52): E' arrivata la nota ufficiale dell'Unione Europa tanto attesa che spiega che solo l'Italia potrà potenzialmentr avvalersi di un fondo extra per le spese sostenute dall'immigrazione ma la decisione sarà presa solo ex-post in primavera. Una decisione ambigua che potrebbe aprire a novità per le pensioni o il taglio delle tasse, ma anche bloccare tutto. Dipenderà da cosa deciderà di fare l'esecutivo se utilizzare, comunque, questi fondi e poi easpettare la valutazione successiva oppure attendere e utilizzare questi potenziali finanziamenti solo nel prossimo anno 

AGGIORNAMENTO ULTIME NOTIZIE E NOVITA' SU PENSIONI oggi martedì 17 Novembre: La tanto atteso copertura aggiuntiva che potrebbe essere utilizzata per le novità sulle pensioni si dovrebbe conoscere, stando alle ultime notizie e ultimissime oggi martedì, in anticipo rispetto mercoledì come sembrava ieri. Vi terremo aggiornati nelle prossime news

Dopo la concessione di nuovi fondi per 3 miliardi di euro da pare dell’Europa all’Italia, lunedì 16 novembre, le ultime notizie riportano l’appuntamento con l’indicazione dalla stessa Ue sui nuovi soldi concessi che potrebbero essere usati dall’esecutivo per diversi scopi. In base alle novità discusse, le nuove risorse potrebbero essere, infatti, impiegate per cancellare le clausole di salvaguardia coprendole direttamente con i soldi in più, per novità pensioni, approvando subito i nuovi metodi in prova, o, più probabilmente, per agire sul taglio delle tasse, soprattutto dell’Ires già dal 2016 senza attendere il 2017 come stabilito invece nella Manovra 2016.

I soldi impiegati dall'Italia dovranno essere dimostrati e c'è, chiaramente fermento, sulle voci a cui destinarli. Come detto, potrebbero essere diversi gli impieghi, molto, come sempre, dipenderà dalla volontà politica e da quali misure l'esecutivo considererà prioritarie.

Seguendo questo ragionamento, le speranze di veder realizzate novità concrete sulle pensioni potrebbero essere poche dal momento che già in altre occasioni, avendo a disposizione soldi, l’esecutivo ha dimostrato di dare priorità ad altre questioni rispetto alle pensioni, e che autorevoli esponenti del governo, dal viceministro dell’Economia, allo stesso premier, al presidente dell’Inps sembrano aver rimandato ogni novità al prossimo anno.

Di certo c’è che, oltre ai cambiamenti già passati, come cancellazione delle penalizzazioni per precoci e usuranti, staffetta ed estensione del contributivo donna, come da accordo tra relatori e contrari interni al Pd, i nuovi metodi che torneranno in discussione alla Camera, ci sono le due versioni di quota 100, l’allargamento del contributivo donna anche agli uomini e con mini pensione e introduzione dell’assegno universale sempre con mini pensione. L’accompagnamento della mini pensione in ogni caso servirebbe per alleggerire le penalizzazioni a carico del lavoratore che decide di uscire prima.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il