BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Cerca







Attentati Parigi: il ricordo di Valeria Solesin la ragazza italiana uccisa in un articolo da lei scritto online

Tra le vittime del massacro di Parigi c'è anche la veneziana di 28 anni Valeria Solesin. Era al Bataclan per divertirsi con gli amici.




Cresciuta nel cuore di Venezia, Valeria Solesin era diventata cittadina del mondo. Dopo il diploma al liceo scientifico Benedetti della città lagunare, si era trasferita a Trento dove si è rapidamente laureata in sociologia. Da qui era andata per un dottorato proprio a Parigi, dove viveva da quattro anni, per proseguire gli studi specialistici all'Università La Sorbona, approfondendo il rapporto del ruolo delle donne divise tra famiglia e lavoro. Ma era attiva anche nel volontariato,con Emergency e a Parigi nell'assistenza dei barboni. Il sito neodemos.it la ricorda ripubblicando un articolo che Valeria aveva inviato poco più di due anni fa, dal titolo Allez les filles, au travail!.

Fonti alla mano, la studentessa cercava di capire perché in Francia il tasso di occupazione delle donne tra i 20 e i 64 anni era al 65% in Francia mentre in Italia si fermava al 50%. Il confronto appariva naturale per via della vicinanza geografica dei due Paesi, le caratteristiche demografiche e culturali piuttosto simili e un mercato del lavoro che risponde alle stesse logiche. La risposta, a suo dire, andava ricercata nella maggiore influenza dei figli in Italia sulla partecipazione nel mercato del lavoro. Da qui l'auspicio di "una maggiore condivisione delle responsabilità familiari e professionali tra le donne e gli uomini in entrambi i paesi".

Dalle 21.30 di venerdì sera, da quando è esploso il primo colpo al Bataclan, si erano perse le sue tracce. Era nella sala concerti con il fidanzato e alcuni amici. Nel panico seguito ai primi spari, con centinaia di persone in fuga, i due si sono persi di vista e di Valeria non si è più saputo più nulla, fino alla scoperta della sua morte. Le speranze della famiglia sono state fugate già nella notte, ma la conferma della morte di Valeria è arrivata solo nella tarda mattinata di ieri. In salvo il fidanzato di Valeria, Andrea Ravagni, che si trovava al concerto, con la ragazza, con sua sorella Chiara e il fidanzato di quest'ultima, Stefano Peretti, di Verona.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il