BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni, riforma bad bank, Pneumatici invernali obbligo, riforma depenalizzazioni reati: novità lunedì oggi

Le ultime notizie ad oggi tra attese novità pensioni a giorni, obbligo al via per dotarsi di pneumatici invernali e reati punibili




Attese le indicazioni dall’Europa sull’impiego dei nuovi fondi anche per novità pensioni, mentre è scattato da ieri 15 novembre l’obbligo di munirsi di pneumatici invernali e durerà fino al prossimo 15 aprile. Precisazioni del Mef su costituzione bad bank in Italia e proposta all’Ue. Come cambiano i reati punibili.

Pensioni: Si attende la decisione entro mercoledì dell'Europa, fondamentale per capire se i nuovi fondi concessi all’Italia potranno essere usati per le pensioni e per l’approvazione dei nuovi metodi in prova che continuano ad essere al centro delle ultime notizie sulle pensioni, gli unici che potrebbero ancora essere approvati per cambiare l’attuale legge. Dopo, infatti, la conferma della staffetta, ma anche della cancellazione delle penalizzazioni per usuranti e precoci, sono solo negative le novità pensioni approvate, dal taglio del fondo proprio per precoci e usuranti, al nuovo blocco delle perequazioni automatiche delle pensioni superiori tre volte il minimo Inps dal 2017, dal nulla di fatto, ancora una volta, per i quota 96 della scuola. I nuovi metodi in prova prevedono  due versioni di quota 100 con mini pensione, assegno universale con mini pensione, all’estensione del contributivo donna anche per gli uomini e sempre accompagnata dall’erogazione di una mini pensione. Entro mercoledì, insieme alla decisione dell’Europa, il testo con i nuovi provvedimenti arriverà alla Camera e solo allora si potrà capire cosa poter davvero fare per le pensioni. La speranza è che l’approdo del testo alla Camera possa aprire nuovi spiragli: in quella sede, infatti, potrebbe accendersi lo scontro tra i contrari interni del Pd e le opposizioni, proprio a partire dalle pensioni ma i relatori sperano di riuscire a trovare un accordo prima che questo accada e che possa portare alla definizione di strane alleanze. E anche per questo le indicazioni sull’impiego dei 3 miliardi di euro concessi dall’Ue al nostro Paese saranno fondamentali. Al momento si pensa che potrebbero essere usati per ridurre la tassazione già dal 2016 o per cambiare le pensioni, o per cancellare le clausole di salvaguardie. Considerando, però, che si tratta di fondi temporanei e che non verranno concessi subito, sarebbe preferibile investirli per la realizzazione dei metodi di prova piuttosto che in un più ampio programma di abbassamento delle tasse, che poi dovrà essere definitivo. Le trattative comunque continuano anche se sembra ormai piuttosto chiaro che difficilmente novità pensionistiche potranno arrivare in questi giorni.

Riforma bad bank: Le ultime notizie sulla questione bad bank in Italia riferiscono che Commissione europea non avrebbe ancora ricevuto la proposta italiana per la bad bank di sistema che servirebbe ad alleggerire le banche che si ritrovano in forti condizioni di difficoltà. Ma si tratta di una notizia che il Mef ha prontamente smentito, spiegando che ‘All’avvio delle discussioni sul tema, il 4 febbraio 2015, sono seguiti innumerevoli scambi di corrispondenza, riunioni e teleconferenze tra il Ministero dell’economia e delle finanze e la Banca d’Italia da un lato, e gli uffici competenti della Commissione europea dall’altro lato. Nel corso di questi frequenti contatti le istituzioni italiane hanno trasmesso alla Commissione europea diversi affinamenti di un possibile modello operativo’, dichiarando che la proposta italiana di bad bank è stata effettivamente inviata all’Ue, tanto che se ne sta ancora discutendo perché la stessa Ue ha detto che ‘il progetto italiano è completamente sbagliato perchè va contro le regole europee che vietano per le banche gli aiuti di Stato’, per cui l’Italia sta lavorando proprio per rispondere alle esigenze dell’Ue per costituire una ‘giusta’ bad bank.

Pneumatici invernali obbligo: In vigore da ieri, domenica 15 novembre, l'obbligo per tutti gli automobilisti di dotarsi di pneumatici invernali. Il provvedimento stabilisce l'obbligo di dotarsi di gomme anti-sdrucciolevoli. Una tipologia di pneumatici assimilabili sono gli M+S (Mud+Snow, fango e neve), meglio noti come quattro stagioni o all season, adatti cioè a tutte le stagioni. L’obbligo di circolazione con pneumatici da neve o catene a bordo vale per tutti i veicoli a motore, a quattro ruote, incluse le auto, i tir e i mezzi pesanti, escludendo invece i ciclomotori a due ruote ed i motocicli, che percorrono i tratti extraurbani di certe strade provinciali. Il Ministero dei Trasporti, tuttavia, prevede un mese di tolleranza per provvedere al montaggio delle gomme invernali: si può passare da quelle estive a quelle invernali tra il 15 ottobre e il 15 novembre e si potrà tornare alle gomme estive dal 15 aprile al 15 maggio.  

Riforma depenalizzazioni reati: Nuove depenalizzazioni per alcuni reati previsti dal codice penale e per tutti quelli inseriti nelle leggi speciali e puniti con la pena pecuniaria. La pena si trasforma in sanzione pecuniaria quando si parla, per esempio, di reato di coltivazione di piante per stupefacenti senza autorizzazione, abuso della credulità popolare, rumori che disturbano il riposo. Alcuni reati, invece, non passeranno dalla depenalizzazioni ma saranno completamente cancellati, prevedendo sanzioni unicamente di carattere civilistico, come i reati di ingiuria e appropriazione di cose smarrite. Secondo il ministro della Giustizia Orlando, “se la sanzione penale diventa uno strumento inflazionato rischia di assumere un significato meramente simbolico e dunque poco efficace, determinando altresì un inutile e deleterio ingolfamento della macchina giudiziaria. Trattandosi di pene basse, se si è incensurati la pena è sospesa. Quindi, il carcere non è un deterrente, mentre lo è molto di più la sanzione amministrativa, che consente anche di liberare il sistema penale da migliaia di processi che rallentano il sistema e lo distolgono da quelli per reati più gravi”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il