BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Concorso Scuola 2015-2016, TFA nuovo terzo ciclo, assunzioni Fase C: novità ulteriori aggiornate

Il mondo della scuola continua a essere in fermento per via dell'attesa dei bandi sul nuovo concorso scuola e sul terzo ciclo del Tfa.




Il mondo della scuola continua a essere al centro dell'attenzione poiché tra Tfa, concorso per insegnanti e assunzioni fase C, questi sono giorni di attesa. La definizione dei dettagli del terzo ciclo del Tfa sarà progressiva. Il Ministero dell'Istruzione intende quantificare i posti da destinare alle classi di concorso prima di procedere con la pubblicazione del bando. In ogni caso, l'appuntamento è solo per il prossimo anno, tra gennaio e febbraio. A proposito dell'ultima tornata di assunzioni, quelli della fase C, il ministero dell'Istruzione ha ricordato e ribadito sul sito ufficiale che i rinunciatari saranno automaticamente cancellati da tutte le graduatorie in cui sono iscritti.

Entro il primo dicembre è invece atteso il nuovo concorso scuola. Per ciascuna classe di concorso possono accedere solo i candidati in possesso del relativo titolo di abilitazione all'insegnamento e, per i posti di sostegno per la scuola dell'infanzia, per la scuola primaria e per la scuola secondaria di primo e di secondo grado, quelli in grado di esibire il relativo titolo di specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità. Porte chiuse per il personale docente ed educativo già assunto su posti e cattedre con contratto individuale di lavoro a tempo indeterminato nelle scuole statali.

Stando alle normative della cosiddetta buona scuola, dal 2016-2017 i ruoli del personale docente saranno regionali, articolati in ambiti territoriali, suddivisi in sezioni separate per gradi di istruzione, classi di concorso e tipologie di posto. Entro il 30 giugno 2016 gli uffici scolastici regionali definiranno l'ampiezza degli ambiti territoriali. Il dirigente scolastico potrà utilizzare i docenti in classi di concorso diverse da quelle per le quali sono abilitati, purché in possesso di titoli di studio validi per l'insegnamento della disciplina e percorsi formativi e competenze professionali coerenti con gli insegnamenti da impartire e purché non siano disponibili nell'ambito territoriale docenti abilitati in quelle classi di concorso.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il