BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie cambiamenti a sorpresa condizionano novità quota 100, quota 41, mini pensioni, assegno universale

Nuovo fondo straordinario per spese anti terrorismo potrebbe mettere a rischio ulteriori cambiamenti pensioni: priorità e prospettive




Le ultime notizie sugli attentati di Parigi che hanno prepotentemente rilanciato l’allarme terrorismo potrebbero fortemente condizionare l’evolversi delle discussioni sulle novità pensioni. L’attenzione è puntata soprattutto sul nuovo fondo da destinare a ulteriori spese militari e per la sicurezza, un fondo che dovrebbe essere di diverse centinaia di milioni di euro e che non era previsto ovviamente, e che deve comunque essere stanziato in breve tempo per far fronte alle misure d’emergenza che saranno messe presto in atto. La necessità di stanziamento di questo fondo, però, sottrarrà risorse a ulteriori cambiamenti che si speravano possibili, a partire dalle pensioni, novità che va ad aggiungersi alle prospettive negative che già investono la questione previdenziale.

Lo stanziamento del fondo, però, potrebbe essere messo come costo esterno al bilancio come vorrebbe il presidente della commissione europea Juncker, ma si tratta di una ipotesi che crea ulteriori problemi perchè o la risposta viene immediata o se arriverà nella seconda fase di discussioni, che si preannuncia piuttosto difficile, si spera che si tratti di un piano straordinario già definito dall’Europa. Secondo Juncker, infatti, le ulteriori risorse da stanziare per le spese militari non rientrano nelle spese ordinarie e la minaccia del terrorismo sta portando l’Europa ad aprire ad una maggiore flessibilità per sostenere i Paesi, in modo da non far particolarmente pesare sui bilanci spese che comunque si stanno rendendo obbligatoriamente necessarie.

Si tratta di una disponibilità che però potrebbe far passare in secondo piano quei cambiamenti ulteriori di cui si stava discutendo da presentare nella seconda fase di discussione delle novità dell’esecutivo italiano in cui rientrano anche le pensioni. Internamente al nostro Paese, anche la questione previdenziale è prioritaria, come stanno dimostrando da mesi ultimi dati e accadimenti, nonché le continue richieste presentate da forze politiche e sociali.

Certo lo scenario mondiale richiede un impegno contro il terrorismo che sia profondo e assiduo, ma bisogna continuare a lavorare anche per garantire ai cittadini regole di vita adeguate per tutti e questa condizione passa anche attraverso la definizione di novità pensioni che possano rendere meno rigide le attuali norme, abbassando soprattutto l’età pensionabile, ripensando a nuovi metodi in prova basati su quota 100 con mini pensione o assegno universale sempre con mini pensione ma anche alla quota 41 specificatamente per usuranti e precoci.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il