BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità sistemi in prova per uscire prima in mini riforma pensioni che inizia ora con seconda fase: novità oggi martedì

Vi sono diversi metodi in prova per le novità sulle pensioni di cui almeno uno si potrebbe far passare. Nel frattempo è stata presentata una importante riforma del 730 e si discute per quella delle tasse.




NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 13:57 oggi martedì 24 Novembre): Abbiamo detto finora che vi sono diverse novità per le pensioni a livelli di sistemi in prova e nuovi metodi per uscire prima. Ovviamente, rispendendo a delle richieste di chiarimento dei lettori, non saranno approvabili tutti, ma solo uno e solo se si deciderà di cambiare quello presentato dall'esecutivo ovvero la staffetta ibrida. Oltre alla combinazione dell'assegno universale con mini pensione che abbiamo visto prima, un altro sistema che avrebbe il voto trasversale secondo le ultime notizie e ultimissime potrebbe essere quota 100 con o senza mini pensioni. E per farlo passare, la Commissione che lo ha da sempre appoggiato sarebbe favorevole anche a cambiarlo alzando l'età a 64 anni e lasciando, comunque, le penalizzazioni fino al 12% (ma anche qualcosa in più se venisse fatto passare). Un altra ipotesi prevede la stessa età e penalità anche molto più alte, ma limitate dal meccanismo della mini pensioni. Sicuramente il primo, ma probabilmemente anche il secondo, sarebbe, dopo essere stato riproposto dall'opposizione interna del partito democratico, votato da tutti le altre forze come la Lega e il M5S che si sono dette assolutamente favorevoli. Il problema, dunque, rimane solo farlo passare quando sarà nuovamente analizzato dalla Ragioneria. E l'unico modo per non farlo bocciare sarebbe richiedere l'utilizzo dei fondi temporanei della clausola immigrazione (anche una minima parte) che essendo temporanei una tantum andrebbero benissimo per quetso tipo di sistema.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 11:12 oggi martedì 24 Novembre): I metodi di prova che si cercherà di far approvare subito per le novità sulle pensioni con l'iter che inizia oggi martedì sono numerosi e puntano di fatto a sostituire, come detto, a sostituire la staffetta finora prevista. Il più probabile, secondo le ultime notizie e ultimissime, sarebbe una sorta di assegno universale seppur limitato combinato con la mini pensione. Tale metodo garantirebbe un importo di circa 1000-800 euro per chi perde il posto di lavoro mancandogli qualche anno ancora alla pensione. Tale cifra sarebbe un terzo a fondo perduto e due terzi concessa come anticipo da restituire a rate al momento delle pensione effettiva. E' una soluzione proposta dallo stesso partito di maggioranza, ma che non piace a molti degli stessi membri che proporanno in questa nuova fase altre soluzioni che vedremo nelle prossime news.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 17:28 oggi lunedì 23 Novembre): I metodi di prova che si tenteranno approvare subito nell'ambito delle novità per le pensioni vanno da un miglioramento della staffetta presentata dall'esecutivo che in questo momento non soddisfa nessuno e che rischia di diventare inutilizzata come quella già prevista per gli statali fino a nuovi sistemi per uscire prima dal lavoro chi lo desidera. E le ultime notizie e ultimissime sembrano poter favorire almeno l'inserimento di uno di questi sistemi perchè, avendo carattere temporaneo e limitato per poter più facilmente essere ammessi dalla Ragioneria e non come sempre bloccati, potrebbero essere usati i fondi derivanti dalla clausola immigrazione che ammontano a circa 3-4 miliardi di euro e che saranno dati dall'Europa solo una volta. Il problema è che la decisione su questi fondi è stata posticipata a primavera quando l'Ue deciderà, in base anche alla manovra, se permetterli o meno. Dunque, l'esecutivo dovrà decidere se usarli adesso, appunto per, esempio, per le pensioni anche parzialmente oppure solo dopo il consenso ufficiale per altre iniziative. Nelle prime ipotesi, comunque, l'esecutivo prevedeva di utilizzare tali nuove coperture per avviare prima un taglio delle tasse più importanti di quello presentato. E potrebbe essere ancora così, anche se il taglio delle tasse non sarebbe temporaneo, mentre questi soldi sì, e quindi, l'anno successivo ci sarebbero problemi di copertura. Per questo motivo, un sistema di prova potrebbe essere più idoneo ad essere finanziato.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 21:02 oggi domenica 22 Novembre): Abbiamo analizzato oggi domenica le novità per le pensioni che da domani lunedì 23 Novembre o per essere più precisi da martedì almeno istitutizionalmente riprenderanno il cammino legislativo che secondo le ultime notizie e ultimissime dovrebbe portare a dei cambiamenti finalmente significativi. Sotto, ci siamo occupati dei cambiamenti per le pensioni che potrebbe passare come metodo di prova subito per uscire prima dal lavoro. E' uno dei punti sicuramenti più controversi e non è semplice che passino, ma l'obiettivo è che almeno uno di essi possa diventare una nuova norma ufficiale seppure, almeno inizialmente, in prova

Da domani riprendono alla Camera le discussioni sulle novità in ballo ancora comprese quelle sulle pensioni e si capirà se ci sarà ancora spazio di approvazione di cambiamenti positivi, insieme a quelli già approvati ma negativi. Le ultime notizie confermano un carico fiscale ancora decisamente elevato per le imprese italiane, mentre i sondaggi di Roma danno come favorita tra i possibili candidati alla successione di Marino nella Capitale Giorgia Meloni.

Pensioni: Da domani, lunedì 23 novembre, al via le nuove discussioni alla Camera dove approdano le questioni più spinose, tra cui le novità pensioni. Se finora sono stati solo i cambiamenti negativi ad essere approvati, dalla mancata estensione di ulteriori tre mesi del contributivo donna, al confermato blocco delle perequazioni automatiche delle pensioni superiori tre volte il minimo Inps dal 2017, al taglio confermato del fondo per precoci e usuranti, al nulla di fatto per i sistemi di uscita prima per tutti, con il passaggio del testo alla Camera i relatori hanno aperto alla possibilità di approvazione di uno dei nuovi metodi in prova, tra le due versioni di quota 100, che prevedono un sistema di quota 100 con erogazione della mini pensione per alleggerire le penalizzazioni decisamente alte e che arriverebbero al 12%; e di quota 100, sempre con penalità del 12% ma uscita a 64 anni e non più a 60 come prevedeva l’inizialmente piano di uscita con quota 100; l’assegno universale con la mini pensione e l’estensione del contributivo donna anche agli uomini. Insieme a questi nuovi metodi, che per molti saranno difficili da approvare in così breve tempo, si punta anche ad applicare ulteriori modifiche pensionistiche, dalla possibilità di evitare il blocco delle perequazioni alla detassazione sulle pensioni per gli over 75 già dal 2016, alla possibilità di estensione del contributivo donna di ulteriori tre mesi, senza dimenticare la necessità, fondamentale, di definizione di una legge delega che, nel caso di risultati negativi delle discussioni pensioni al momento, impegnerà il governo a riprendere, obbligatoriamente, la discussione sulla questione previdenziale in tempi certi.

Riforma tasse: Il peso della tassazione italiana è il più alto d’Europa, ma questa non è una novità. Si parla ormai da tempo di questo triste record italiano, trend che dovrebbe essere decisamente invertiti per garantire ai cittadini condizioni di vita migliori. Le ultime notizie, però, confermano la pesante situazione: secondo il rapporto Paying Taxes 2016 (riferito all’anno d’imposta 2014) della Banca mondiale e Pwc, l carico fiscale complessivo (tasse e contributi) per le imprese italiane resta il più alto in Europa. Il total tax rate si attesta al 64,8% dei profitti commerciali nel 2014, sopra la media mondiale, pari al 40,8%, e quella europea al 40,6%. A incidere è soprattutto il costo del lavoro, che nel nostro Paese pesa per 43,4 punti percentuali sul totale. A livello europeo, l’Italia è seguita da Francia (62,7%) e Belgio (poco sotto il 60%). Tra i grandi Paesi Ue sotto il 50% Spagna e Germania, mentre sotto la media europea solo la Gran Bretagna. I più virtuosi Croazia e Lussemburgo sotto il 20%.

Elezioni Roma: Dagli ultimi sondaggi condotti, tra i favoriti candidati alla successione di Ignazio Marino alla poltrona di sindaco di Roma ci sarebbe Giorgia Meloni. A sfidarla, come confermano le ultime notizie, potrebbe esserci Stefano Fassina. E', infatti, lui il candidato sindaco di Sinistra Italiana e Sel a Roma. Ad annunciare la sua candidatura il vicepresidente della Regione Lazio Massimiliano Smeriglio che ha dichiarato “Il 27 novembre a Ostia presenteremo una disponibilità di candidatura di Stefano Fassina per la carica di sindaco alla città di Roma. Non è la candidatura di Sinistra italiana o di Sel, ma una disponibilità perché significa che vogliamo discutere”. E lo stesso Fassina ha detto: “L'assemblea del 27 a Ostia non sarà il lancio della mia candidatura a sindaco, ma l'inizio di un percorso di ascolto e partecipazione che parta dalle periferie per ricostruire Roma. La candidatura dovrà nascere dal percorso e dalle iniziative che abbiamo intenzione di sostenere”.

Riforma 730: Con l'avvento del nuovo modello 730 precompilato, aumentano le possibilità di detrazione delle spese. Oltre alle spese sanitarie, infatti, nel 2016 potrebbero rientrare tra le spese da detrarre anche le spese funebri, universitarie e rate dell’ecobonus. Queste sarebbero le possibili novità annunciate dal direttore dell’Agenzia delle Entrate Orlandi. In particolare, l’attenzione si concentra sulle spese relative ai contributi versati per le forme di previdenza complementare, sostenute per la frequenza di corsi di istruzione universitaria, spese funebri, spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici. Secondo la Orlandi, è “auspicabile un complessivo intervento normativo volto a razionalizzare gli oneri e le spese detraibili, con particolare riferimento alla semplificazione delle regole di funzionamento delle misure di agevolazione fiscali”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il