Pensioni ultime notizie su nuovo progetto INPS con numerose nuove indicazioni significative e interessanti

Il presidente dell’Istituto di previdenza fornisce ulteriori indicazioni su novità e progetto pensioni: nuove spiegazioni e auspici cambiamenti

Pensioni ultime notizie su nuovo progett


Alla vigilia delle ulteriori discussioni sulle novità pensioni che approderanno lunedì alla Camera, nuove indicazioni interessanti arrivano anche sul progetto pensionistico dell'Istituto di Previdenza: le spiegazioni innanzitutto precisano che non vi sarebbero quelle difficoltà economiche e finanziarie che impediscono l’attuazione di novità né tanto meno di funzionamento del sistema previdenziale, e si tratta di indicazioni che smentiscono le stesse informazioni fornite qualche tempo fa dallo stesso Istituto che lanciava un nuovo allarme sui suoi conti, attestando un deficit annuale di circa 10 miliardi in costante aumento.

Il presidente dell'Istituto ha inoltre precisato che la presentazione ufficiale del suo piano era stata concordata proprio con l'esecutivo, segno che si sarebbe trattato di una mossa per capire la reazione da parte di tutti alle misure contenute per capire poi, conseguentemente, come si sarebbe potuto agire in maniera concreta. Obiettivo del presidente è quello di riuscire a rendere il sistema previdenziale italiano, che comunque risulta essere uno dei più solidi in Europa nonostante alcuni studi insinuino il contrario, più flessibile ed equo per tutti, in modo da garantire a vecchia e nuove generazioni le stesse certezze.

E per perseguire questo obiettivo il punto di partenza deve essere certamente quello di ridurre i vitalizi dei politici, proprio una equità sociale, e di dividere in maniera netta spesa assistenziale da spesa previdenziale. Il presidente ribadisce poi l'importanza di un ricalcolo sulle cosiddette pensioni d'oro che, sottolinea, su una platea di 16 milioni di pensioni, andrebbe a colpire solo 230mila persone, che sono coloro che percepiscono pensioni stratosferiche ogni mese e che non risentirebbero di un eventuale prelievo.

Lo stesso presidente ha assicurato che il ricalcolo verrebbe comunque eseguito in maniera modulata rispetto a quanto si percepisce. Ciò che il presidente dell'Istituto previdenziale precisa in maniera particolare è che le modifiche previste per sistema previdenziale in generale e norme pensionistiche non sono pensate per garantire sostenibilità finanziaria, che esiste già se pur per una legge pensionistica, che sarebbe quella attuale, ricca di errori e storture, ma per rimettere in equilibrio l'intero sistema. E rilancia anche sulla necessità di istituire un assegno universale perché è ‘scandaloso’ che nel nostro Paese, a differenza di tutti gli altri dell’Europa, non esista ancora questo sostegno per chi si ritrova in grosse difficoltà a causa della perdita del lavoro e della propria età avanzata.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il