BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Affitto casa 2016: tutte le novità cedolare secca, tassazione, contratti

In arrivo diverse novità che interessano la casa e non solo in merito alle modifiche previste dall’anno prossimo per il pagamento si Imu e Tasi 2016: gli ulteriori cambiamenti e novità




In arrivo diverse novità che interessano la casa e non solo in merito alle modifiche previste dall’anno prossimo per il pagamento si Imu e Tasi 2016. Insieme alla confermata cancellazione della Tasi sulle prime e per gli inquilini e dell’Imu su terreni agricoli, tutti indipendentemente dalla classificazione Istat, e sugli imbullonati, cambiano dall’anno prossimo anche i termini per la registrazione dei contratti di locazione: il proprietario avrà, infatti, trenta giorni di tempo per l’adempimento, in seguito al quale scatterà un secondo termine di sessanta giorni per comunicare l’avvenuta registrazione sia all’inquilino sia all’amministratore del condominio.

Insieme ai tempi stretti per la registrazione dei contratti e relativi obblighi informativi, le altre novità prevedono, in caso di mancata registrazione del contratto, la possibilità di  ricondurre la locazione alle condizioni di legge; e l’applicabilità delle norme di tutela dell’inquilino a tutte i contratti fin dal 1998. Via libera, poi, alle nuove norme contro gli affitti in nero che prevedono il pagamento per gli inquilini solo della quota di affitto stabilita dai contratti, che dovranno essere registrati, come detto, entro 30 giorni; la nullità di ogni tentativo di proroga dei limiti di durata del contratto previsti dalla legge sulle locazioni, cioè quattro anni più quattro per i contratti standard e tre anni più due per quelli definiti sulla base di accordi locali; e che nei casi di nullità il conduttore, con azione proponibile a sei mesi dalla riconsegna dell’immobile locato, può chiedere la restituzione delle somme corrisposte in misura superiore al canone risultante dal contratto scritto e registrato.

Chi fa pagare un canone di affitto superiore a quello risultante dal contratto scritto e registrato sarà soggetto a due sanzioni: la prima prevede la nullità di qualsiasi pattuizione in tal senso; e la seconda che, entro sei mesi dalla riconsegna dell'immobile locato, il conduttore può agire per farsi restituire tutte le somme pagate in più.

Oltre alla stretta sulle locazioni in nero, tra le novità prevista anche la cancellazione delle tasse sulle case dei separati assegnate agli ex coniugi, delle forze dell'ordine trasferite e degli alloggi sociali; nessuna tassazione sulla prima casa data in comodato ai propri figli; e lo sconto Imu del 25% per chi affitta con canone concordato. Ricordiamo poi che il 30 novembre, rinviato al primo dicembre visto che il 30 cade di domenica, scade il termine di pagamento della seconda rata di acconto della cedolare secca sugli affitti che quest'anno risulta decisamente conveniente, considerando che l'aliquota per i contratti a canone concordato è scesa dal 15% al 10%.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il