BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu e Tasi 2016: prima casa, seconda casa, affitto, terreni. Chi deve pagare ancora, esenti,detrazioni.Tutte le domande e risposte

Sono tante le novità che caratterizzeranno il pagamento di Imu e Tasi 2016. Si va verso un conguaglio da versare a gennaio.




Quali sono le imposte cancellate sulla casa nel 2016?

La Tasi e l'Imu sulle case utilizzate dal proprietario come abitazione principale. Non riguarda gli immobili classificati nelle categorie catastali A1 (dimore signorili), A8 (ville) e A9 (castelli e palazzi di pregio). L'Imu si applica sulla componente immobiliare del patrimonio e accorpa l'imposta sul reddito delle persone fisiche, le relative addizionali dovuti in relazione ai redditi fondiari su beni non locati e la vecchia imposta comunale sugli immobili. La Tasi è l'imposta sui servizi indivisibili e copre le spese per pubblica sicurezza e vigilanza, illuminazione pubblica e manutenzione stradale, servizi cimiteriali e di manutenzione del verde pubblico, servizi socio-assistenziali, protezione civile, tutela degli edifici e aree comunali.

Cos'è la sanatoria di cui si parla in questi giorni?

Si tratta dello spostamento di circa due mesi dei termini per le delibere dei Comuni sull'aumento le aliquote di Imu, Tasi, addizionali e tariffe. In buona sostanza nei Comuni che hanno deliberato variazioni oltre i limiti di legge, i contribuenti dovranno versare un conguaglio nel 2016. Sono tra l'altro coinvolti Napoli, Trieste, Mantova, Terni, Frosinone, Avellino, Verbania, Matera e Rieti.

Cosa si intende per abitazione principale?

L'immobile nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Se i componenti del nucleo familiare risiedono in case diverse nel territorio dello stesso Comune, solo una può avere l'esenzione. Se sono in Comuni diversi, invece, sono entrambe agevolate.

Sono esentate anche le pertinenze?

Sì, possono essere considerati solo i box auto (categoria catastale C6), le tettoie (C7) e i magazzini, locali di sgombero e cantine (C2), ma nella misura massima di un'unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, e con l'obbligo di considerare anche le unità iscritte in catasto insieme alla casa.

I terreni agricoli pagheranno l'Imu?

No, ma solo se sono di proprietà di coltivatori diretti o imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola, a prescindere dalla loro ubicazione. Prevista l'eliminazione dell'agevolazione del moltiplicatore 75 per il calcolo dell'imponibile e le franchigie sul valore catastale. L'Imu continuerà a essere pagata da chi dai terreni ricava solo una rendita.

Gli imbullonati pagheranno l'Imu?

No, abolita l'imposta anche sugli imbullonati ovvero sui macchinari delle imprese ancorati al terreno che finora entravano nei calcoli della rendita catastale. L'imposta pagata allo Stato da capannoni, alberghi e centri commerciali alimenterà la creazione del fondo di solidarietà comunale.

Ci sono altre categorie esentate dal pagamento della Tasi?

Sì, gli immobili in comodato come prime case a figli, genitori o parenti disabili fino al secondo grado, ma solo se il comodante ha adibito a propria abitazione principale la stessa casa nel 2015 e non possieda altri immobili sul territorio nazionale. Via anche le tasse per la casa all'ex coniuge o per quella delle forze dell'ordine che vivono altrove per ragioni di servizio. Sconto del 25% sull'Imu per chi affitta a canone concordato ovvero a un prezzo inferiore a quello di mercato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il