BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sciopero treni oggi Trenitalia, Trenord quando inizia e finisce, tratte interessate, treni garantiti giovedì 26 Novembre e venerdì

E' in programma per venerdì prossimo 27 novembre un nuovo sciopero della circolazione ferroviaria: fermi treni Trenord, Italo e Trenitalia




E' in programma per venerdì prossimo 27 novembre un nuovo sciopero della circolazione ferroviaria. Si fermeranno i treni Trenord, Italo e Trenitalia. Lo stop, in particolare, è stato organizzato dalle 21 di giovedì 26 novembre alle 18 di venerdì da NTV per le linee di Italo e dalla società Trenord, dalle sigle sindacali dei trasporti, come CUB Trasporti, USB lavoro Privato e il Coordinamento Autorganizzato Trasporti e saranno coinvolti tutti i dipendenti di Trenitalia e Trenord.

In particolare per Trenord, giovedì 26 novembre saranno garantiti i treni con partenza entro le 21 e arrivo a destinazione entro le 22, mentre per venerdì 27 novembre sono al momento garantiti solo i treni previsti nella fascia oraria tra le 6 e le 9. Per quanto riguarda la circolazione dei treni Italo, saranno garantiti solo alcuni dei treni serviti sulle lunghe distanze e sul sito istituzionale è possibile consultare informazioni utili circa le tratte e le corse che non saranno coinvolte nello sciopero e saranno garantite ai passeggeri.

L’orario dello sciopero dei dipendenti Trenitalia, invece, prevede l’inizio del blocco dei treni dalle 21 di giovedì 26 novembre e la sua conclusione alle 18 di venerdì 27 novembre. Trenitalia garantisce i treni la cui partenza è prevista entro le 21 e che possono arrivare a destinazione un’ora dopo, entro le 22.

Trenitalia ha comunicato che lo sciopero è stato indetto per protestare contro i progetti di privatizzazione, svendita e smembramento del comparto FS, lo sfascio del prossimo Contratto Collettivo di Lavoro, la riforma pensionistica attuale, e quello che viene definito il ‘vergognoso’ Testo Unico sulla Rappresentanza voluto da Confindustria e O.S. concertative.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il