BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Telepass 2016: costi aumentano seppur anche i servizi. Tutte le novità

Raddoppia il canone del Telepass a partire dal mese di gennaio 2016: nuovi costi, abbonamenti e servizi garantiti ai clienti




Novità in vista per i pacchetti Telepass: dal 2016, infatti, mentre il contratto Telepass standard non subirà alcuna variazione, verranno unificati i contratti Premium e Premium Extra. Chi sceglierà il pacchetto Premium e pagherà l’abbonamento di 1,5 euro al mese in precedenza corrisposto dai clienti Extra contro gli attuali 0,78 euro al mese potrà usufruire anche del soccorso stradale sulla viabilità ordinaria, insieme al servizio già attivo di assistenza sulla rete autostradale a pedaggio

Telepass ha, infatti, deciso di unificare l’Opzione Premium con quella Premium Extra (che prima aveva autonomia contrattuale ed un costo proprio) per estendere a tutti i clienti del Telepass Premium il servizio di soccorso in città e su tutta la viabilità ordinaria, servizio che prima per questi clienti era limitato alla sola rete autostradale.

Per premiare la fedeltà dei ‘vecchi’ clienti, il canone Premium di 0,78 euro al mese resterà comunque invariato per tutto il 2016 con la possibilità di usufruire dei servizi connessi al pacchetto Extra e alla fine dell’anno si avrà la possibilità di recedere dal pacchetto opzionale e passare all’abbonamento standard oppure di confermare l’adesione alla formula Extra.

Federconsumatori ha fatto sapere che la decisione della società Telepass S.p.A.  (società controllata al 96,5% da Autostrade per l'Italia S.p.A e per il restante 3,85% partecipata da Autostrade TECH S.P.A.) ‘di modificare unilateralmente i contratti ci lascia decisamente perplessi . Nel dettaglio la società ha deciso, dal 1 gennaio 2016, di apportare delle modifiche a: Opzione Premium, Twin, Unicum Telepass Family e Unicum Telepass con Viacard. I contratti Telepass Premium e Telepass Premium Extra saranno unificati, estendendo a tutta la clientela Premium anche il soccorso stradale sulla viabilità ordinaria in aggiunta al servizio già attivo di assistenza sulla rete autostradale a pedaggio. Tutto ciò avverrà contestualmente ad un aumento dei costi. Un operatore unico, che in una posizione di netto e prevalente monopolio decide di disdettare i contratti in essere e di aumentare a suo piacimento le tariffe riferite ai Telepass, a nostro avviso rappresenta una grave violazione’.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il