BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bonus 500 euro giovani 18enni:per chi,da quando e come.Per cosa si potrà usare tra mostre,cinema,teatro ma anche tablet e Internet

In arrivo 500 euro a testa per i diciottenni, a cui verrà estesa la Carta già predisposta per i professori e che potrà essere spesa in cultura.




Bonus di 500 euro da spendere per iniziative culturali a favore dei 550.000 italiani che compiono 18 anni. La proposta per i neo maggiorenni è stata avanzata dal premier Matteo Renzi. Si tratta di una carta, di cui vanno naturalmente resi noti tutti i dettagli, con un credito scalabile volta per volta da spendere, ad esempio, per cinema e teatro, concerti e libri. Alla base di questo provvedimento, fanno notare dal Ministero dei Beni culturali, c'è anche un tentativo di rilanciare l'acquisto legale di cultura in un'epoca in cui il tasso di download illecito della Rete è evidentemente molto alto. DI conseguenza, possono esultare editori ed etichette discografiche.

Dal punto di vista promozionale, il presidente del Consiglio immagina questa misura come una risposta al terrore: "Distruggono le statue, noi amiamo l'arte. Distruggono i libri, noi siamo il Paese delle biblioteche. Non cambieremo mai il modo di vivere". A completamento del pacchetto di novità, Renzi ha anche annunciato 150 milioni di euro per donare a tutti i cittadini l'opportunità di dedicare il due per mille a un'associazione culturale. Ciò che è possibile per i partiti, dovrà essere possibile anche per le realtà della cultura. In buona sostanza il trasferimento della quota del 2 per mille della dichiarazione dei redditi potrà essere finalizzata ad attività culturali nazionali o locali

La misura del bonus di 500 euro dovrebbe entrare in vigore giù nei primi mesi del 2016. Il riferimento più immediato è naturalmente quello destinato agli insegnanti che, si fa presente, prevede limiti ben precisi alle spese. Sì a libri, pubblicazioni e riviste, anche in formato digitale, non per forza relativi alla disciplina insegnata. Sì a personal computer, computer portatili o notebook, computer palmari, tablet, ma no a smartphone, videocamere, stampanti e chiavette USB. E ancora: il bonus è spendibile per corso online, corsi di laurea o un master universitario, corsi universitari destinati alla formazione dei docenti, corsi per lo studio di una lingua straniera all'estero.

No all'abbonamento Adsl, sì all'iscrizione a corsi per attività di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali, svolti da enti accreditati presso il Ministero dell'Istruzione a corsi di laurea, di laurea magistrale, specialistica o a ciclo unico, inerenti al profilo professionale, ovvero a corsi post lauream o a master universitari inerenti al profilo professionale. Anche in questo caso, via libera a rappresentazioni teatrali e cinematografiche, per l'ingresso a musei, mostre ed eventi culturali e spettacoli dal vivo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il