BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie novità impulso cambiamenti o blocco totale da nuova procedura infrazione decisa da Europa

L’Europa apre una nuova procedura di infrazioni pensioni contro l’Italia: cosa fare per evitare sanzioni e possibili cambiamenti ancora in discussione




Mentre il ministro del Lavoro parla della possibilità di mettere a punto un piano strutturale per soluzioni universali e organiche delle pensioni, le ultime notizie non sono poi così positive. E non solo in riferimento alle novità proposte per cambiare la legge pensioni attuale che sono decisamente vacillanti e sembra piuttosto difficile che vengano approvate in questi giorni, ma anche a causa di una nuova procedura di infrazione sulle pensioni che l’Europa ha aperto contro l’Italia.

Il motivo per cui sarebbe stata aperta la procedura di infrazione è la possibilità di anticipare l’uscita dal lavoro con il contributivo per le donne lavoratrici del settore privato e la possibilità per le donne lavoratrici del pubblico impiego di andare in pensione un anno prima rispetto agli uomini, pur sempre a fronte di penalizzazioni. L'Europa ha chiesto all'Italia perchè le donne possono andare in pensione prima e l'Italia ha risposto giustificando l'esistenza di penalizzazioni per chi decide di uscire prima. Dopo aver analizzato le motivazioni giudicandole decisamente inefficienti, l’Europa ha respinto le giustificazioni fornite dall’Italia che potrebbe andare incontro a sanzione se non prendesse i giusti provvedimenti.

Per evitare eventuali sanzioni, l’esecutivo potrebbe o abolire completamente il contributivo donna per i prossimi anni, ipotesi probabile, e sistemare anche la questione delle lavoratrici statali; o estendere il contributivo donna anche agli uomini, come già proposto anche se difficile; o, ancora, approvare, insieme al contributivo donna, nuovi sistemi di uscita prima per tutti.

Ed è quest’ultima effettivamente la strada che l’esecutivo sembra seguire, vista l’apertura dei relatori ai nuovi metodi in prova da approvare subito, tra le due versioni di quota 100 con penalizzazioni e mini pensioni, assegno universale con mini pensione ed estensione del contributivo donna anche agli uomini, come detto, ma sempre accompagnata dalla mini pensione per alleggerire le alte penalizzazioni previste. Tutto però è ancora in discussione e se c’è chi sostiene che la procedura di infrazione potrà portare all’attuazione di misure nuove concrete, per altri, nonostante l’impegno per arrivare a cambiamenti concreti, sarà difficile riuscire ad approvare novità in questo breve periodo e molto più probabile sarà il rinvio di cambiamenti pensionistici al prossimo anno.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il