BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Concorso scuola nuovo 2016 e Tfa terzo ciclo: cosa può essere ancora cambiato. Decisioni ufficiali seppur incertezze crescono.

Ecco gli aggiornamenti e le ultime notizie relativi al nuovo concorso scuola 2016 e al terzo ciclo del Tfa per l'abilitazione all'insegnamento.




La novità delle ultime ore sul nuovo concorso scuola 2016 rischia di fare incrinare l'unica certezza degli aspiranti insegnati di ruolo. La pubblicazione del bando contenente tutti i dettagli relativi alle modalità di svolgimento della prova e ai requisiti per la partecipazione, inizialmente prevista entro il primo dicembre 2015, potrebbe essere spostato di alcuni giorni. Intendiamoci, non c'è alcuna comunicazione ufficiale in merito da parte del Ministero dell'Istruzione, ma si tratta di indiscrezioni sindacali che prendono le mosse da incontri recenti. La ragione del rinvio andrebbe ricondotta a ragioni di carattere tecnico ovvero ai tempi di approvazione del regolamento sulle nuove classi di concorso da parte della competente commissione al Senato.

A tal proposito e con la solita attesa delle conferme da parte del Ministero di Viale Trastevere, dovrebbero vedere la luce le nuovi classi di concorso A-23 Lingua italiana per discenti di lingua straniera, A-35 Scienze e tecnologie della calzatura e della moda, A36 Scienze e tecnologia della logistica; A-53 Storia della musica, A-55 Strumento musicale negli istituti di istruzione secondaria di II grado tl, A-57 II Tecnica della danza classica, A58 Tecnica della danza contemporanea, A59 Tecniche di accompagnamento alla danza, A-63 Tecnologie musicali, A-64 Teoria, analisi e composizione, A-65 Teoria e tecnica della comunicazione. Per il terzo cico del Tfa appuntamento ai primi mesi del 2016.

A ogni modo, i binari lungo i quali si muoverà il nuovo concorso scuola sono noti da tempo e non dovrebbero subire alcuna modifica. Condizione imprescindibile è l'abilitazione all'insegnamento e dunque dovrebbero partecipare solo gli abilitati Tfa (Tirocinio formativo attivo), Pas (Percorsi abilitanti speciali), ex Ssis (Scuola di specializzazione all'insegnamento secondario), laureati in scienze della formazione primaria e diplomati magistrali con l'assegnazione di punteggio aggiuntivo per chi ha già svolto supplenze così come i 23.000 docenti dell'infanzia rimasti fuori dalle tre fasi di assunzione previste con il cosiddetto piano della Buona scuola.

Solo nei primi mesi del prossimo anno, il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca fornirà notizie ufficiali sul terzo ciclo del Tfa per l'abilitazione all'insegnamento nelle scuole secondarie italiane. Lo scorso anno l'accesso è stato consentito a coloro che entro la data di presentazione della domanda di iscrizione al test nazionale sono in possesso di una laurea del vecchio ordinamento e degli eventuali esami richiesti per poter avere accesso all'insegnamento; di una laurea del nuovo ordinamento specialistica o magistrale e degli eventuali crediti formativi per poter avere accesso all'insegnamento; del diploma Isef, già valido per l'accesso all'insegnamento di educazione fisica, per i Tfa di Scienze Motorie.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il