BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Rinnovo contratti dipendenti pubblici, statali e bonus 80 euro forze dell'ordine aumento stipendio, busta paga: cambiamenti

Dal bonus di 80 euro per le forze dell'ordine al rinnovo del contratto degli statali: è tutto confermato per carabinieri, militari, aeronautica, polizia.




Sono confermati rinnovi dei contratti per i dipendenti statali per il 2016, a iniziare dal bonus di 80 euro promesso dal premier Matteo Renzi alle forze dell'ordine e che coinvolge polizia, carabinieri, vigili, esercito. In qualche modo si tratta di una sorta di compensazione al congelamento dei contratti della pubblica amministrazione, che l'esecutivo è pronto a sbloccare con una somma non superiore a 300 milioni di euro, si tratta quindi di una copertura sufficiente a garantire un introito netto di 960 euro solo per il 2016, pertanto per gli anni successivi non ci sarà alcuna copertura. 

La forma e la sostanza del nuovo bonus 2016 di 80 euro potrebbe essere simile a quelli già in vigore per i contribuenti il cui reddito complessivo è formato dai redditi di lavoro dipendente, dai redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente ovvero i compensi percepiti dai lavoratori soci delle cooperative, le indennità e i compensi percepiti a carico di terzi dai lavoratori dipendenti, le somme da chiunque corrisposte a titolo di borsa di studio, premio o sussidio per fini di studio o addestramento professionale, i redditi derivanti da rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, le remunerazioni dei sacerdoti, le le prestazioni pensionistiche, i compensi per lavori socialmente utili.

Più in generale, a Montecitorio saranno affrontate molte questioni relative alla sicurezza, compresa l'attività di intelligence. Per il 2016 è stato messo in conto un aumento delle risorse che complessivamente arriva fino a 300 milioni di euro. Ricoprirà un ruolo decisivo il via libera di Bruxelles all'esclusione delle nuove spese per la sicurezza dal Patto di stabilità. A Palazzo Chigi filtra molto ottimismo, anche alla luce dei recenti e pressanti allarmi terroristici.

Nel segno di un'amministrazione sempre più trasparente, la Ragioneria generale dello Stato ha pubblicato i dati, in versione open, relativi al complesso dei pagamenti a carico del bilancio dello Stato. La pubblicazione rientra nel quadro delle iniziative del ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione attraverso l'Agenzia per l'Italia Digitale e contribuisce a estendere la base informativa a supporto del progetto che ha portato allo sviluppo del portale soldipubblici.gov.it. La nuova serie di dati riguarda i pagamenti cumulati da gennaio a ottobre mentre i successivi aggiornamenti avverranno con cadenza mensile.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il