BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie cambiamenti attesi novità settimana e week-end riforma pensioni quota 100,assegno universale,mini pensioni

Proseguono le trattative e si giunge a compromessi sul versante delle pensioni. Le ultime notizie riferiscono di molte novità.




Sono giorni incandescenti sul versante delle pensioni perché sono quelli della proposizione di cambiamenti per introdurre novità all'attuale legge previdenziale. Stando alle ultime notizie sia in queste ore e sia nei primi giorni della prossima settimana, saranno avanzati suggerimenti e miglioramenti rispetto al testo presentato dall'esecutivo. C'è da tenere presente che le modifiche di Palazzo Chigi, quelle più rilevanti anche perché frutto di discussioni e compromessi fra le parti, potranno arrivare sul gong ovvero a ridosso dell'approdo in Aula a Montecitorio del testo da votare. D'altronde, siamo davanti a decine di contributi correttivi sulle pensioni.

Sul contributivo donna, ad esempio, ovvero la possibilità per le lavoratrici con 57 anni e 3 mesi di età e 35 anni di contributi se dipendenti o con 58 anni e 3 mesi se autonome, di andare in pensione con qualche anno di anticipo rinunciando a una parte dell'assegno, si punta a cancellare lo scatto dell'aumento della speranza di vita così come previsto dalla regole attuali.

Anche la staffetta ibrida presenta molti limiti, essendo limitata ai lavoratori 63enni del comparto privato. In questo caso è in ballo l'opportunità di concordare con il proprio datore di lavoro l'orario di impiego con il mantenimento 65% dello stipendio e il versamento di tutti i contributi previdenziali. Ma non è prevista l'assunzione di un giovane in sua sostituzione e né l'allargamento a tutti i potenziali beneficiari perché le risorse investite sono poche. C'è poi chi chiede di anticipare al 2016 e non al 2017 l'estensione della no tax area da 7.750 euro a 8.000 euro gli over 75 anni e da 7.500 euro a 7.750 euro per gli under 75.

In ballo ci sono anche la semplificazione e la gratuità della ricongiunzione dei contributi così come la revisione delle norme sul cumulo delle pensioni. In agenda lo scongiuramento del taglio del fondo per i lavoratori precoci e per chi svolge attività prevalentemente usuranti e la proposizione di nuovi sistemi di in prova che ruotano attorno all'applicazione di quota 100, intesa come somma di età anagrafica e anni di contribuzione da raggiungere per andare in pensione, o come l'assegno universale con mini pensione, il contributivo uomini con mini pensione. E siccome le proposte avanzata sono molte, una via d'uscita per evitare di decidere in tempi così stretti è l'introduzione di una legge delega da collegare al testo ufficiale che vincoli l'esecutivo a introdurre cambiamenti concordati in tempi certi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il