BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità in fase ancora di preparazione per riforma pensioni in nuovi incontri attesi: novità domenica oggi

I cambiamenti e le novità per le pensioni continuano ad essere oggetto di trattative, mentre si attendono a breve dettagli sul bonus 80 euro all'interno della riforma forze dell'ordine




NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 13:10 oggi domenica 29 Novembre): A livello di partito, se non di singolo politico, sembra non si parli più nemmeno dei miglioramenti da apportare alle novità per le pensioni negative inserite nel testo in base alle ultime notizie e ultimissime. Infatti, occorre ricordare il blocco delle perequazioni con i relativi tagli aggiuntivi che sarebbero dovuti servire per finanziare i cambiamenti delle pensioni. Ora, non solo, non si ricerca di evitare i tagli, ma neppure si cerca di spostare i fondi ricavati non per una generica copertura delle pensioni ma per cercare di finanziare dei miglioramenti per le pensioni stesse. Non mancheranno delle indicazioni anche su questi temi nelle riunioni con i supervisori, ma non c'è la compatezza di intenti che era stata mostrato nel primo passaggio almeno in apparenza

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 9:01 oggi domenica 29 Novembre): I cambiamenti depositati sono migliaia, ma quelli più importanti, probabilmente, devono ancora arrivare anche per quanto riguarda le novità sulle pensioni. E anche oggi, domenica, si continuerà con le trattative tra maggioranza e relatori dell'esecutivo. Al momento tra i cambiamenti ufficiali depositati vi sono il contributivo donna e la cancellazione delle penalizzazioni per chi esce prima. Vi è poi la ricerca di anticipare la cancellazione delle imposte già da quest'anno fino 8mila euro, ma è molto difficile che questo passi. Per quanto riguarda i metodi di prova, sono stati presentati da singoli partiti direttamente o politici ed è inutile dire che l'iter è molto in salita salvo sorprese da parte dei relatori negli incontri che si terrano tra oggi e i prossimi giorni.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 18:32 oggi sabato 28 Novembre): Continueranno ad essere presentati dei cambiamenti fino a lunedì per le novità delle pensioni e gli altri settori e sono in programma numerosi incontri e confronti delle maggioranza per cercare di stabilire una linea comune con i relatori dell'esecutivo che apporteranno i cambiamernti più importanti. Al momento quelli decisi e che sono stati presentati secondo le ultime notizie e ultimissime notizie sono quelli già concordati e sono semplicemente migliorativi rispetto alle norme presentate nel testo. 

Prima dell'approdo in Aula a Montecitorio del testo dell'esecutivo, saranno presentati nuovi cambiamenti sulle pensioni perché, a oggi sabato 28 novembre 2015, le novità proposte sono ritenute insufficienze. Filtra fiducia dalle ultime notizie.

Pensioni. Sono tante le novità sulle pensioni a Montecitorio in tassa del voto dell'Aula. Esponenti dell'esecutivo e relatori dei provvedimenti stanno tra l'altro discutendo su una legge delega da collegare al testo di Palazzo Chigi, contenente nuove misure sulla previdenza da introdurre in tempi certi. In ballo ci sono anche regole più semplici per la ricongiunzione dei contributi e per il cumulo, condizioni più agevolate per il contributivo donna, il mancato taglio del fondo per i lavoratori precoci e per chi svolge attività usuranti, nuovi sistemi di prova, tra cui assegno universale con mini pensione, contributivo uomini con mini pensione e revisione della staffetta ibrida dell'esecutivo.

Aumentare la detassazione del salario di produttività: è una delle modifiche su cui la Camera potrebbe concentrarsi nei prossimi giorni, in attesa di giocare altre partire determinanti, dalla sicurezza al Sud, su cui ancora esecutivo e parlamento non hanno trovato la necessaria quadratura del cerchio. L'idea, già avanzata al Senato, è quella di portare l'attuale plafond di 2.000 euro su cui viene stabilita una tassazione agevolata al 10% fino al nuovo tetto di 6.000 euro. Un obiettivo condiviso in teoria da Palazzo Chigi, che deve però fare i conti con le risorse a disposizione. Sul salario di produttività - secondo il Ministero dell'Economia - è possibile fare aggiustamenti, in un contesto in cui le risorse possono crescere di qualche decina di milioni.

Riforma pubblica amministrazione. Sono tre i versanti su cui sono indirizzate le novità sulla pubblica amministrazione italiana. Il primo è relativo al bonus di 80 euro che il premier Matteo Renzi ha promesso alle forze dell'ordine. Ma solo nei prossimi giorni si conosceranno tutti i dettagli relativi ai beneficiari e alle modalità di erogazione. Il secondo è quello dell'aumento dei fondi per la sicurezza, forse fino a 300 milioni di euro, per attrezzarsi contro le minacce del terrorismo. Il terzo è quello dello sblocco del contratto degli statali, rispetto al quale sembra che le trattative con i sindacati siano arrivate a un binario morto.

Amnistia, indulto. Se amnistia e indulto torneranno presto al centro dell'attualità, le attenzioni sono puntate anche sulle nuove regole della Procura di Roma che anticipano il piano di Palazzo Chigi. Tra l'altro, la polizia giudiziaria e il pubblico ministero dovranno evitare di inserire nelle note informative, nelle richieste e nei provvedimenti, il contenuto di conversazioni irrilevanti e manifestamente non pertinenti rispetto ai fatti oggetto d'indagine. Il criterio dovrà essere elastico. Nuove regole anche per gli avvocati. A fine indagine potranno ascoltare tutto ma per duplicare o ottenere le copie dovranno attendere la decisione del giudice nell'udienza o in dibattimento dopo averne fatto motivata richiesta.

Tasi, Imu. Si attende il via libera alla sanatoria sulle delibere Imu e Tasi emanate in ritardo dai comuni. I contribuenti coinvolti saranno così costretti a pagare un conguaglio nel 2016 nonostante l'abolizione delle imposte sulla prima casa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il