BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu e Tasi 2015: seconda rata. Calcolo e pagamento prima casa, seconda casa, affitto. Nuove regole, differenze con Tasi, Imu 2016

Come procedere a calcolo e versamento dei saldi 2015 di Imu e Tasi e chi paga e le novità in arrivo dal prossimo anno per le tasse sulla casa. Le differenze




Scade il 16 dicembre il termine di pagamento della seconda rata 2015 di Imu e Tasi e ancora per quest’anno non cambia nulla per le modalità di calcolo e pagamento dei saldi delle tasse sulla casa che, invece, dal prossimo 2016 subiranno diverse modifiche, a partire dalla cancellazione della Tasi su prime case e per gli inquilini, alla cancellazione dell’Imu su tutti i terreni, indipendentemente dalla classificazione Istat, e sugli imbullonati, agli sconti Imu previsti del 25% sugli immobili locati a canone concordato, all’abolizione delle imposte sugli immobili dati in comodato d’uso ai propri figli, o comunque a parenti di primi grado, e per gli ex coniugi che lasciano l’abitazione principale.

Per modalità di calcolo e pagamento dei saldi 2015 non è dunque prevista alcuna novità e ancora per questo mese di dicembre pagheranno la percentuale spettante della Tasi gli inquilini, pagheranno ancora l’Imu i terreni agricoli e si pagherà anche sugli immobili dati in comodato d’uso. Per procedere al pagamento del saldo di Imu e Tasi bisogna capire se l’acconto di giugno è stato versato in base alle nuove aliquote 2015 o sulla base dlle vecchie aliquote 2014.

Se, infatti, il proprio Comune di residenza già la scorsa estate aveva deliberato nuove aliquote 2015 di pagamento Imu e Tasi, per il saldo di dicembre basterà semplicemente versare la metà di quanto rimasto della cifra calcolata e per cui lo scorso giugno è stata già versata la prima metà. Se, al contrario, nel proprio Comune di residenza il calcolo della Tasi su prime case, seconde case, case in affitto e pertinenze, come box, cantine, solai, garage, e dell’Imu su seconde case, prime case di lusso, immobili commerciali e terreni, fosse stato effettuato sulla base delle aliquote 2014, il calcolo del saldo dovrà essere completamente rifatto.

Ogni contribuente dovrà verificare che il proprio Comune abbia finalmente deliberato le nuove aliquote di pagamento e quindi procedere al calcolo delle tasse sulla casa. In entrambe i casi si parte dalla rivalutazione del 5% della rendita catastale da moltiplicare per il coefficiente del proprio immobile e alla cifra che si ottiene devono essere applicate le singole aliquote Imu e Tasi. Se il proprio comune ha anche deliberato eventuali detrazioni, queste andranno sottratte all’importo totale da versare.

Per la Tasi, poi, bisognerà dividere questo importo tra inquilini e proprietari, nella percentuale stabilita da ogni Comune  e compresa tra il 10 e il 30%. Il calcolo di Imu e Tasi può essere semplicemente eseguito anche online sul sito http://www.webmasterpoint.org/servizio/calcolo-iuc-imu-tasi-tari/. Anche per il saldo del 16 dicembre si potranno utilizzare i bollettini postali o il modello F24. E’ possibile trovare i bollettini in tutti gli uffici postali e in parte sono già precompilati, mentre per pagare con l’F24 bisogna conoscere i codici tributo da inserire nella sezione intitolata Sezione Imu e altri Tributi locali in corrispondenza delle somme indicate nella colonna ‘importi a debito versati’.

I codici tributo per il pagamento dell'Imu sono 3912 per abitazione principale e pertinenze, 3914 per terreni, 3916 per aree fabbricabili, 3918 per altri fabbricati, 3925 per immobili a uso produttivo allo Stato, 3930 per immobili a uso produttivo al Comune; e per la Tasi sono 3958 su abitazione principale e pertinenze, 3959 su fabbricati rurali strumentali, 3960 su aree fabbricabili, 3961 su altri fabbricati. Poi si compila lo spazio codice ente/codice comune in cui bisogna indicare il codice catastale del Comune nel cui territorio sono situati gli immobili, del campo Numero immobili, dove indicare numero degli immobili, la tipologia di pagamento nella casella ‘Saldo’ e lo spazio ‘Anno di riferimento’, 2015.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il