BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Cerca







Riforma pensioni, Canone Rai bolletta, Imu, Tasi, Tasse 2016: novità Legge Stabilità Renzi tra emendamenti ufficiali ed esecutivo

Se confermata la sanatoria Tasi e Imu, a gennaio migliaia di contribuenti dovranno pagare un conguaglio, anche sulle prime case.




Sono tante le novità previste nella legge di stabilità 2016 che ora finiranno all'esame di Montecitorio. Secondo le ultime notizie saranno confermati cambiamenti importanti.

Canone Rai. Ci sono ancora alcuni punti da chiarire il merito al pagamento del canone Rai 2016 in bolletta. Il primo è relativo sulla rateizzazione dell'importo che scenderà da 113,50 a 100 euro. Sembra che stia trovando consensi l'ipotesi di distribuire la somma in 10 rate annuali da 10 euro ciascuna, ma occorre fare conciliare questa soluzione con la bolletta della luce che è bimestrale e capire se sia applicabile già a partire dal 2016. Non viene escluso il via libera solo dal mese di luglio in poi. Altro punto all'ordine del giorno a Montecitorio è l'innalzamento del tetto di reddito in favore degli over 75 per l'esonero dal canone Rai.

Tasi e Imu. Anche sul fronte Imu e Tasi 2016 ci sono alcuni punti da chiarire. Il primo è relativo alla sanatoria in favore di quei comuni che hanno cambiato aliquote e detrazioni oltre i termini di legge. Se dovesse essere confermata, a gennaio migliaia di contribuenti, anche proprietari di prime case, dovranno pagare un conguaglio. Sono tra l'altro coinvolte le città di Napoli, Trieste, Mantova, Terni, Frosinone, Avellino, Verbania, Matera e Rieti. Si cerca poi conferma sullo stop della Tasi sulle abitazioni concesse in comodato d'uso ai parenti di primo grado, genitori e figli, e sulla casa all'ex coniuge o su quella delle forze dell'ordine trasferiti per ragioni di servizio.

Pensioni. Le novità sulle pensioni passano dalle tante proposte di modifica al testo governativo, come la cancellazione dello scatto delle speranza di vita sul contributivo donna, ovvero la possibilità per le lavoratrici con 57 anni e 3 mesi di età e 35 anni di contributi se dipendenti o con 58 anni e 3 mesi se autonome, di andare in pensione con qualche anno di anticipo rinunciando a una parte dell'assegno. E ancora: il miglioramento della staffetta ibrida, l'anticipo al 2016 dell'estensione della no tax area, la semplificazione e la gratuità della ricongiunzione dei contributi, la revisione delle norme sul cumulo delle pensioni, il taglio del fondo per i lavoratori precoci e per chi svolge attività prevalentemente usuranti, la proposizione di nuovi sistemi in prova che fanno riferimento a quota 100, intesa come somma di età anagrafica e anni di contribuzione da raggiungere per andare in pensione.

Ristrutturazione casa detrazioni. Confermate fino al 31 dicembre 2016 le detrazioni sui lavori di riqualificazione energetica e sull'acquisto di mobili ed elettrodomestici. L'Aula di Montecitorio sarà chiamata a confermare il raddoppio del tetto del bonus mobili per le giovani coppie, anche di fatto purché almeno uno dei due sia sotto i 35 anni, da 8.000 a 16.000 euro.

Partita Iva 2016. Dal prossimo anno sarà in vigore il solo regime forfettario, in cui confluirà quello dei minimi, tra quelli a condizioni agevolate così come saranno previste nuove tutele per le partite Iva a regime ordinario. Tra le novità ci sono le deduzioni a quote maggiorate del 40% per gli acquisti di beni strumentali nuovi effettuati fino al 31 dicembre 2016 dagli esercenti arti e professioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il