BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie appuntamenti questo mese attesi per riforma pensioni quota 100, mini pensioni, assegno universale

Dalla nuova votazione della Consulta, alla Leopolda, ai cambiamenti attesi dai relatori: novità attese per il mese di dicembre e cambiamenti ancora possibili per le pensioni




Oggi  Montecitorio è già fissata la nuova votazione dei tre giudici della Consulta e, secondo alcune fonti, Pd e Forza Italia voteranno nuovamente Augusto Barbera in quota Pd, fermatosi a 536 consensi; Francesco Paolo Sisto in quella Forza Italia, fermatosi a 511; e Giovanni Pitruzzella, dell'area centrista, arrivato a 492. Il Movimento 5 Stelle voterà Franco Modugno. C’è chi attende con grande attenzione l’esito di questa votazione che sarà importante considerando che il peso che la Consulta ha in numerose decisioni fondamentali. Spesso, infatti, abbiamo visto come le scelte dei giudici possano talvolta cambiare completamente situazioni esistenti.

E’ il caso della sentenza che qualche mese fa ha stabilito il rimborso ai pensionati con assegni superiori tre volte il minimo Inps, perché illegittimo. Ma non solo: è chiaro, dunque, come far vincere i propri candidati significherebbe avere appoggio sulle decisioni delle questioni più importanti, pensioni comprese e con loro sistemi di cambiamenti sul tavolo, da quelli 360 gradi per il sistema previdenziale, ai progetti di uscita prima, all’assegno universale. Si tratta di cambiamenti di cui si discute da mesi, ancora bloccati, secondo quanto spiegato da sempre, per scarsa disponibilità di risorse economiche, ma anche per scelta politica.

Dopo il voto della Consulta, sono in programma nel fine settimana nuovi appuntamenti generali voluti dal premier Renzi, che si prepara a riorganizzare il Pd, tra cariche e ruoli istituzionali, e poi 11, 12 e 13 dicembre appuntamento politico con l’ormai consueta Leopolda, dove probabilmente si parlerà di pensioni e, a sorpresa, lo stesso premier potrebbe fare annunci inaspettati, anche se secondo molti sarà difficile o se così sarà si farà riferimenti a novità pensioni ma per i prossimi mesi.

In questi giorni, tuttavia, continueranno i lavori della seconda fase con le discussioni in Aula, cui seguirà il voto del 6 dicembre. Oggi intanto proseguono gli incontri per la definizione di cambiamenti ufficiali e sempre per oggi sono attesi i cambiamenti dei relatori che però potrebbero arrivare fino alla fine. Tra questi ciò che più si aspetta di capire è se sarà approvato almeno uno dei metodi in prova, tra le due versioni di quota 100, assegno universale con mini pensione o estensione del contributivo donna anche agli uomini e sempre accompagnata dalla mini pensione.

Non mancheranno, però, in questo mese di dicembre Consigli dei Ministri dove si potrebbe discutere, a sorpresa, di novità pensioni ma volte a bloccare le nuove regole che entreranno in vigore dal primo gennaio 2016, dall’aumento dell’età pensionabile, anche se attendersi cambiamenti anche in questo senso sembra piuttosto difficile.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il