BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità dirette e ufficiali per cambiamenti ad incontri con cittadini nel fine settimana, riforma: novità giovedì oggi

Attesa per i prossimi incontri alcune novità sulle pensioni mentre per riforma mercato e cooperative avano richieste.




NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 10:44 giovedì 3 Dicembre): La preoccupazione per un calo di consensi si fanno sentire e lo stesso Premier e i suoi più stretti collaboratori sono ben consapevoli, secondo le ultime notizie e ultimissime, che occorre rilanciare il partito se non si vuol perdere le prossime elezioni amministrative. E tra i più scontenti vi sono i pensionati e i pensionandi che hanno visto finora novità per le pensioni nulle se non negative. E così diventano già importanti su quetso tema e molti altri gli incontri in piazza a Roma previsti tra sabato e domenica dove lo stesso Premier parteciperà e ha chiesto una partecipazione massiccia di Ministri e politici. E tra i temi che si affronteranno sia nelle discussioni sui vari palchi ci saranno le pensioni e di attendono diverse novità ufficiali sia sui cambiamenti nell'attuale seconda fase a Montecitorio che quella tanto attesa promessa nei prossimi mesi.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 22:01 martedì 1 Dicembre): Una serie di incontri con la gente sono previsti questo fine settimana tra Ministri, parlamentari e lo stesso Premier nelle piazze della capitale per un momento di incontro e confronto con i cittadini. Tanti banchetti e iniziative per una manifestazione a cui lo stesso Premier tiene moltissimo e viene considerata come il primo passo verso il rilancio del partito. E dove si dovrebbe parlare anche di pensioni come abbiamo riportato nel paragrafo dedicato.

Nel prossimo fine settimana sono in programma una serie di incontri e appuntamenti voluti dal premier, cui saranno presenti i diversi ministri e da cui potrebbero arrivare novità pensioni. Ancora negative le ultime notizie sull’apertura del mercato italiano e ultimi dati e  iniziative in programma oggi per celebrare la Giornata Mondiale contro l’Aids.

Pensioni: Nel prossimo fine settimana sono in programma una serie di incontri e appuntamenti voluti dal premier, pronto a riorganizzare il Pd, cui saranno presenti sia il premier sia i ministri ma ci si attende anche la presenza di diverse categorie di pensionandi per un confronto con l'esecutivo. E proprio dallo stesso premier e dai ministri potrebbero arrivare ulteriori indicazioni o novità sui prossimi impegni dell’esecutivo, comprese le pensioni. Gli incontri potrebbero, infatti, essere un’occasione per dare qualche risposta in questa seconda fase e nuove indicazioni sulla fattibilità eventuale di cambiamenti pensionistici, cosa che si rivelerebbe una mossa vincente per l’esecutivo considerando che ci si avvicina alle prossime elezioni amministrative e agire sulle pensioni, anche se con cambiamenti minimi, o anche con l’approvazione della legge delega collegata al testo ufficiale che impegnerebbe ufficialmente l’esecutivo a riprendere la questione e approvare novità in tempi certi, rappresenterebbe un segnale positivo. Sembra tuttavia sempre più improbabile che si riesca a fare qualcosa in questo breve periodo, considerando il ritardo dei relatori che devono ancora presentare i loro piani di cambiamento, l’incertezza sui nuovi metodi in prova, la confusione sui miglioramenti delle misure già approvate, come la staffetta, e la cancellazione dei costi per le ricongiunzioni nonché per la semplificazione del cumulo. Ci sono, infatti, ancora tanti ostacoli da superare, come la scarsa disponibilità di risorse economiche, la decisione di investire nuovi fondi per sicurezza, cultura e bonus di 80 euro anche alle Forze dell’Ordine, la sospensione dei fondi extra gettito dall’Europa.

Riforma mercato: Italia ancora indietro rispetto ai suoi colleghi europei sull’apertura al mercato: secondo l’Indice delle liberalizzazioni 2015 dell’Istituto Bruno Leoni, scende la concorrenza nei carburanti e nell’energia, mentre sale nel trasporto aereo, nelle telecomunicazioni e nei treni. Diversi gli indicatori considerati e i dati di quest’Indice sono riferiti al 2014, escludendo, dunque la parziale privatizzazione di Poste e il Jobs Act e ciò significa che per il prossimo anno potremmo aspettarci un passo avanti dell’Italia nell’Indice Ibl. Alberto Mingardi, direttore generale dell’Istituto Bruno Leoni, ha dichiarato: “Ci sono Paesi più indietro di noi nell’Indice, ma vengono da una tale chiusura del mercato che sono premiati dal grande progresso, penso alla Polonia. Il governo italiano ora ha avviato la Legge annuale sulla concorrenza, la parziale privatizzazione di Poste, il decreto per quotare le Ferrovie. Ma non si capisce bene che cosa pensi sul ruolo dello Stato e del mercato”. Il settore più aperto al mercato, in Italia, restano le Telecomunicazioni, seguite dell’Elettricità a pari merito con la Tv.  

Giornata Mondiale Aids: Si celebra oggi primo dicembre la Giornata mondiale contro l'Aids. Occasione durante la quale le sedi locali della Lila di Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Como, Livorno, Firenze, Milano, Roma, Torino e Trento hanno organizzato giornate di test gratuito. A Milano, per esempio, da giovedì 3 dicembre, è possibile effettuare gratuitamente ogni primo giovedì del mese il test rapido salivare per HIV e HCV (virus dell'epatite C) presso la sede Lila di via Carlo Maderno 4, dalle 17 alle 20:30 con la presenza di un medico e di un counselor. Sono tantissime le organizzazioni impegnate in Italia in campagne di sensibilizzazione, raccolte fondi e test gratuiti, a cominciare dalla Lega italiana per la lotta contro l'Aids (Lila) e in ogni città sono state organizzati eventi volti alla sensibilizzazione sul tema, dalle giornate di test gratuito a proiezioni, spettacoli teatrali e serate in discoteca, per promuovere la conoscenza dell'Aids e la prevenzione, soprattutto tra i più giovani.

Riforma cooperative: Nel 2017 arriva la nuova Alleanza delle cooperative. In Italia esistono tre organizzazioni, Legacoop, Confcooperative e Associazione generale cooperative Italiane, che comprendono circa 42 mila imprese, con oltre 12 milioni di soci, circa 1 milione e 200 mila occupati e un fatturato aggregato di 140 miliardi di euro. Mauro Lusetti, presidente Legacoop, ha spiegato che “Il nostro modello è diverso. Si tratta di tre associazioni che andranno a realizzarne una, con un’organizzazione, una governance e una dirigenza unica. Non temiamo tensioni perché è già stato tutto pianificato: a gennaio l’Alleanza delle cooperative andrà a rappresentare circa il 90% di tutte le coop italiane legali. Non temiamo particolari sovrapposizioni. Anche le aree di interesse delle nostre realtà sono abbastanza assortite e poi l’Alleanza farà da acceleratore a un processo di aggregazione di filiera. Gli italiani fanno fatica ad aggregarsi, è vero, ma nelle cooperative esiste già l’approccio associativo, quindi il passaggio diventa più semplice”. Per Luisetti, inoltre, sarà fondamentale creare reti e relazioni basate sulla fiducia, su legami di comunità e senso di appartenenza.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il