BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Blocco traffico Roma oggi auto targhe alterne dispari e pari venerdì e domani sabato. E domenica blocco totale in fase decisione

Blocco parziale del traffico auto, moto, motorini scooter con le targhe alterne. E confermato lo sciopero.




AGGIORNAMENTO: Confermato lo sciopero per oggi venerdì e le targhe alterne con il blocco del traffico per auto, moto, motorini parziale, appunto con le targhe alterne pari e dispari. Restrizione che continuerà anche sabato. E dopo il 4-5 Dicembre, si sta decidendo per un blocco totale per domenica 6 Dicembre di cui vi daremo aggiornamenti. Tutte le informazioni per domani venerdì e sabato 4-5 Dicembre chi può circolare o meno, gli orari, i veicoli, le regole ufficiali, la mappa delle strade interessate si possono trovare in questo articolo

L’Atac, principale azienda di trasporto pubblico di Roma, ha indetto un sciopero del trasporto pubblico per venerdì 4 dicembre. Lo sciopero, indetto dal sindacato Cambia-Menti, durerà 4 ore, dalle 8:30 alle 12:30, causando rallentamenti e cancellazioni del servizio di autobus, tram, filobus, metropolitane e anche per le linee ferroviarie Roma-Lido, Termini-Centocelle e Roma-Nord. Il servizio sarà garantito nelle altre fasce orarie.

Cgil, Cisl, Uil e Sul hanno invece indetto uno sciopero per Roma Tpl, l’azienda che si occupa delle linee periferiche della capitale, ha indetto uno sciopero per venerdì 4 dicembre ma della durata di 24 ore. E mentre sito Muoversiaroma scrive che è stato raggiunto un accordo con la prefettura e che quindi lo sciopero sarà revocato, sul sito dell’Atac è riportato invece che lo sciopero Tpl è confermato. Roma Tpl è stata al centro delle cronache negli scorsi giorni per la manifestazione di protesta messi in atto dai lavoratori che hanno, infatti, incrociato le braccia per 8 giorni per protestare contro il mancato pagamento degli stipendi di ottobre e novembre, lasciando scoperto il servizio per una settimana.

I nuovi scioperi sono stati indetti nonostante il raggiungimento dell'accordo tra governo e sindacati per il rinnovo del contratto per il biennio 2015-2017, per cui è previsto un aumento di 100 euro. L'accordo prevede inoltre il pagamento una tantum di 600 euro per il periodo che va da gennaio 2012 al mese scorso, ottobre 2015 e i 600 euro sono pagabili in due rate, fissate per gennaio e aprile 2016.

Secondo il segretario generale della Fit-Cisl, Giovanni Luciano, “La firma di un contratto come questo è un segnale fortissimo anche e sopratutto per i contenuti di grande innovazione che contiene.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il