Calcolo Imu e Tasi online per tutti i Comuni con aliquote, detrazioni aggiornate Agenzia Entrate prima casa, affitto, seconda casa

I contribuenti italiani hanno a che fare con la scadenza del pagamento del saldo di Imu e Tasi. C'è tempo fino al 16 dicembre 2015.

Calcolo Imu e Tasi online per tutti i Co


Questi sono i giorni del pagamento della seconda rata di Imu (tranne sulle prime case purché non di lusso) e Tasi che va in scadenza il 16 dicembre 2015. Provano a fare qualche raffronto, a quanto ammonta l'aliquota Tasi sulle abitazioni principali nei capoluoghi di regione secondo gli aggiornamenti ufficiali dell'Agenzia delle Entrate? Allo 0,33% ad Ancona, allo 0,10% ad Aosta, allo 0,30% a Bari, allo 0,33% a Bologna, allo 0,28% a Cagliari, allo 0,24% a Campobasso, allo 0,33% a Firenze, allo 0,33% a Genova, allo 0,25% all'Aquila, allo 0,25% a Milano, allo 0,33% a Napoli, allo 0,29% a Palermo, allo 0,33% a Perugia, allo 0,25% a Potenza, allo 0,25% a Catanzaro, allo 0,25% a Roma, allo 0,33% a Torino, allo 0,35% a Trento (si tratta dell'Imis che unisce Imu e Tasi), allo 0,25% a Trieste, allo 0,29% a Venezia.

Nel caso di variazioni di aliquote rispetto a quelle applicate per la prima rata, occorre rifare i calcoli, per i quali è disponibile in questa pagina il nostro simulatore online. Solo in apparenza Imu e Tasi sono due imposte simili per via della stessa base imponibile, della stessa definizione di abitazione principale e aree edificabili, degli stessi termini per il versamento di acconto e saldo. In realtà si differenziano per molti aspetti, a iniziare dal punto di vista applicativo poiché la Tasi viene ripartita tra possessore e occupante, passando alle riduzioni ed esenzioni non sempre coincidenti.

In particolare le abitazioni principali e fattispecie assimilate sono esonerate dall'Imu, tranne quelle di lusso di categoria A1, A8 e A9, ma pagano la Tasi; le abitazioni dei cittadini italiani residenti all'estero sono assimilate alle abitazioni principali e quindi non pagano l'Imu e c'è riduzione per la Tasi mentre chioschi e distributori non pagano né Imu né Tasi.

E per quanto riguarda l'edilizia sociale? Le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa adibite ad abitazione principale dei soci assegnatari sono assimilati all'abitazione principale e quindi sono esenti da Imu. Gli alloggi sociali sono equiparati all'abitazione principale a decorrere e quindi oggi sono anch'essi esenti da Imu, ma soggetti a Tasi. Per gli alloggi assegnati dagli Iacp o dagli enti di edilizia residenziale pubblica aventi le stesse finalità degli Iacp è prevista la sola applicazione della detrazione per abitazione principale. Occorre versare anche la Tasi se il Comune ne ha deliberato l'applicazione per gli immobili diversi dall'abitazione principale.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il