BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità prospettive settimana riforma pensioni e cambiamenti ufficiali rientrati da approvare subito: novità lunedì oggi

Le ultime notizie tra novità cambiamenti per le pensioni, riforma organizzazione servizi segreti e classifica migliori licei di Italia




NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 18:06 oggi lunedì 7 Dicembre): Oggi pomeriggio si sono concluse le riunioni per l'analisi tecnico giuridico e finanziario dei cambiamenti depositati dai partiti politici. Non si dovrebbero essere affrontate le novità per le pensioni come detto prima perchè si è iniziato il confronto su altri temi. Confronto che riprenderà tra due giorni secondo le ultime notizie e ultimissime che confermano anche che, seppur continueranno gli incontri della maggioranza anche all'Immacolata, i pacchetti ufficiali dei supervisori  dovrebbero arrivare a fine settimana con una proroga rispetto alle scadenze previste.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 13:41 oggi lunedì 7 Dicembre): Per quanto riguarda la discussione dei cambiamenti e novità sulle pensioni è difficile che avvenga subito oggi, in quanto prima si stanno affrontando altri temi come riportano le ultime notizie e ultimissime. Secondo indiscrezioni vi sono, comunque poco meno di cinquanta cambiamenti ufficiali depositati tra i partiti per una riforma pensioni subito tra cui alcuni davvero sostanziali come metodi di uscita di prova tra cui quota 100 e mini pensioni, nonchè l'assegno universale. E sempre tra oggi e mercoledì sono attesi i pacchetti della maggioranza preparati dai relatori. Anche in questo caso è difficile che arrivino entro oggi e non sono così certi neppure per mercoledì data che inizialmente era prevista come scadenza. E vi potrebbero essere anche delle sorprese sia positive che negative. Infatti, secondo alcune indiscrezioni si starebbe pensando di non inserire nemmeno le novità per le pensioni minime che sembravano trovare tutti d'accordo, mentre stando ad altri ci sarebbe addirittura un ripensamento del Premier e dei suoi collaboratori sul bonus per i diciotenni per i quali è, un dato di fatto sicuro e ufficiale, è stata inviata una email agli iscritti per chiedere il proprio parere. E se ci fosse questo passo indietro (al momento non ci sono decisioni ufficiali e tutto è ancora allo studio) si potrebbero aprire novità importanti per altri temi tra cui anche le pensioni che interessano sia giovani (in primis per la disoccupazione) che ai tutti i lavoratori

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 9:44 oggi lunedì 7 Dicembre): Come previsto ieri sera è iniziata l'analisi tecnica dei cambiamenti depositati tra cui le novità per le pensioni che in base alle ultime notizie e ultimissime sono più di quaranta sulle centinaia di cambiamenti che i partiti hanno deciso di evidenziare come richiesto dalla Commissioni che li andranno ad analizzare da un punto di vista tecnico ed economico. E oggi lunedì 7 Dicembre continuerà l'analisi così come mercoledì. Tra l'altro la situazione è molto ancora in divenire come abbiamo spiegato sotto con alcuni cambiamenti riammessi che prima era stati respinti. Le novità per le pensioni sono, comunque, ancora in salita, senza farsi illusioni.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 16:05 oggi domenica 6 Dicembre): Al momento vi sono due categorie di cambiamenti per le novità per le pensioni che possono essere approvate subito ancora e che suscitano nuove speranze dopo che alcuni precedente non ammessi sono di nuovo stati ritenuti ammissibili come abbiamo riportato dalle ultime notizie e ultimissime. La prima categoria riguarda quelli già presentati e ufficiali da parte dei partiti, mentre i secondi sono quelli che sono ancora in fase di preparazione e oggetto delle trattative tra relatori dell'esecutivo e la maggioranza, compresa l'opposizione interna del partito e gli alleati.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 9:02 oggi domenica 6 Dicembre): Alcuni cambiamenti che prima era stati eliminati ritornano ad essere riconsiderati come validi e ammissibili e si aprono, dunque, anche per le novità sulle pensioni delle speranze seppur le difficoltà rimangono chiare. Le ultime notizie e ultimissime riportano, infatti, come alcuni cambiamenti rimandati a Palazzo Madama o nei primissimi giorni nello stesso Montecitorio ora sono stati recuperati. Una situazione, quindi, in continuo sviluppo e che apre nuovi scenari, senza farsi, comunque, illusioni. Lo abbiamo visto più nel dettaglio sotto

Dopo la riammissione di alcuni cambiamenti che inizialmente erano stati bocciati oggi domenica 6 Dicembre, le speranze per i prossimi giorni è che si torni a discutere anche di novità pensioni. Ultime notizie su organizzazione dei servizi segreti internazioni e classifica dei licei di Italia tra migliori e peggiori di ogni città.

Pensioni: Si attendono ancora, tra lunedì 7 e mercoledì 9 dicembre, le proposte di cambiamento che dovranno essere approvate o meno dall’esecutivo entro la fine dell’anno. Ma dopo la riammissione di alcuni cambiamenti che inizialmente erano stati bocciati, le speranze per i prossimi giorni è che si torni a discutere anche di novità pensioni. Dopo essere stata dichiarata, infatti, inammissibile, è stato riammesso il testo della riforma della consulenza finanziaria che promuove in un albo unico i diversi albi esistenti e introduce al tempo stesso disposizioni tributarie e di regolazione finanziaria connesse alla predette norme.  Si tratta di una riammissione che potrebbe aprire la strada anche alla riconsiderazione di cambiamenti pensionistici. Tra i cambiamenti proposti al momento non rientrano quelli in discussione nel corso di questi mesi tra quota 100, mini pensione, o assegno universale anche se si dovrebbe arrivare all’approvazione di una legge delega ufficiale che dovrebbe contenerli. Nuove possibilità di ripresa dei lavori, concreti, sulle pensioni, potrebbero derivare dall’eventuale dietrofront del premier sul bonus per i giovani. Qualche giorno fa, infatti, il premier ha annunciato l’erogazione di un bonus di 500 euro per i neo 18enni, scatenando polemiche da ogni parte, tra forze politiche, sociali e all’interno del Partito Democratico stesso. In molti hanno apertamente dichiarato che con la stessa cifra investita, si parla di 500 milioni di euro ma anche di un miliardo, si potrebbero sostenere le politiche attive del lavoro o promuovere quei cambiamenti pensionistici finora sempre bloccati proprio per scarsa disponibilità di soldi. Piuttosto che investire soldi in un progetto educativo per i giovani, dunque, si potrebbe finalmente pensare a novità pensioni e impiegare i soldi in uno dei metodi in prova tra quelli presentati, tra le due versioni di quota 100, il contributivo donna esteso anche agli uomini e sempre con una mini pensione, e l’erogazione dell'assegno universale con la mini pensioni; o a migliorare quella staffetta che tutti chiedono di rendere più conveniente.

Riforma servizi segreti: La cooperazione tra i diversi servizi segreti sembra non sia voluta dai governi stessi. A svelare la mancanza di coordinamento tra servizi segreti è stato Felice Casson, senatore dem, segretario del Copasir, dopo il viaggio negli Usa dell'organismo di controllo parlamentare sui servizi segreti, avvenuto dopo la strage di Parigi. Secondo quanto spiegato da Casson, “I servizi segreti americani ne parlano in modo ufficiale. L'inteligence unica non si fa perché nessuno la vuole. In particolare non la vuole la politica: i governi dei vari Paesi”. A volere per prima un’unica intelligenze era stato proprio il premier Renzi dopo la strage di Charlie Hebdo, ma il responso è implacabile: “I servizi non collaborano tra loro perché non si fidano l'un dell'altro. Per motivi di invidia o per gelosie. Ma anche e soprattutto per motivi politici. L'ingaggio che ogni servizio ha dal proprio governo ha finalità e obiettivi politici che collidono con gli interessi nazionali di altri Stati. Per cui le logiche interne a ciascun Paese finiscono per entrare in rotta di collisione con quelli della sicurezza generale”.

Migliori licei: E' stata resa nota la classifica dei migliori licei di Italia e, a sorpresa, a Milano vince una scuola paritaria. La classifica è stata stilata da Eduscopio.it, il portale della Fondazione Agnelli, che ha valutato 4400 istituti italiani anche per il 2015. Il risultato è che il miglior liceo classico statale di Milano è il Giosuè Carducci ma anche l’Ettore Majorana di Desio, mentre il miglior liceo scientifico è l'Alessandro Volta, seguito dal liceo delle scienze umane Virgilio. Il migliore liceo linguistico di Milano è di nuovo il Virgilio, mentre tra gli istituti tecnici, il migliore nel settore economico è senz'altro il Gerolamo Cardano (media voti all'università di 25.26), mentre nel settore tecnologico il primato spetta all'Enrico De Nicola: chi si è diplomato qui, il primo anno in facoltà ha ottenuto una media del 26.66. Passando nella Capitale, i migliori licei classici sono il Mamiani e il Tasso. A Torino, tra i licei classici, in testa troviamo il Gioberti e l'Umberto I è primo tra gli scientifici; a Napoli il meglio per classici e scientifici è rappresentato da Sannazzaro e Mercalli, mentre a Firenze è il liceo classico Dante il primo tra tutti i licei classici della provincia; a Bologna vince il liceo classico Luigi Galvani, seguito dal liceo scientifico Niccolò Copernico, e dal liceo delle scienze umane Leonardo Da Vinci.

Riforma sfratti:  E’ necessario cambiare le norme che regolano gli sfratti: dopo il boom delle richieste per morosità incolpevole registratesi nel 2014 e quasi 80mila provvedimenti diventati esecutivi, e mentre le assegnazioni di alloggi popolari procedono a rilento e le situazioni di disperazione si moltiplicano, sarebbe opportuno mettere a punto soluzioni capaci di aiutare le persone di gravi difficoltà economiche. Cresce, infatti, la mobilitazione delle associazioni a difesa degli inquilini con problemi gravissimi e secondo alcuni la soluzione potrebbe essere quella di definizione dei cosiddetti piani di zona, cioè l'edilizia agevolata con finanziamenti regionali a fondo perduto e affitti calmierati, così come erano stati progettati per Roma ma evidentemente non andati a buon fine.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il