BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tfa e Concorso scuola: tra bando, assunzioni, requisiti, prove, quando inizia e ritardi Miur-Governo. Novità oggi e settimana

Non c'è ancora chiarezza sui tempi di pubblicazione del bando per il nuovo concorso scuola 2016 e c'è chi ipotizza ritardi di oltre un mese.




Le attenzioni sono tutte per i tempi di pubblicazione del bando per il nuovo concorso scuola 2016. Il Ministero dell'Istruzione aveva invitato a mettere in conto ritardi rispetto alla scadenza del primo dicembre, come indicato nella riforma della cosiddetta buona scuola, ma solo di alcuni giorni. Allo stato è trascorsa quasi una settimana e non ci sono segnali rassicuranti. Anzi, tra i sindacati di categoria circola la voce di un possibile spostamento a dopo le feste natalizie e dunque al 2016. Il motivo principale del ritardo andrebbe ricercato nell'approvazione del nuovo Regolamento sulle classi di concorso che impone di rivedere i programmi di insegnamento e dunque le prove del concorso.

Come spiega Domenico Pantaleo, segretario generale della Federazione Lavoratori della Conoscenza Cgil, non si tratta di un problema di natura, ma politica, "e nasce dalla fretta, tutta propagandistica, con la quale è stata gestita prima la legge 107, poi le diverse fasi della stabilizzazione dei docenti, e infine la vicenda dei bandi". A quanto pare ce ne saranno tre: uno per la scuola dell'infanzia e della primaria, uno per la scuola secondaria di primo e secondo grado e uno per il sostegno. Complessivamente saranno messi a concorso 6.800 posti nella scuola dell'infanzia, 15.900 posti nella primaria, 13.800 posti nella scuola secondaria di primo grado, 16.300 posti nella scuola secondaria di secondo grado, 10.900 posti per il sostegno.

A detta di Pantaleo "sarebbe stato meglio, molto meglio, rallentare i tempi e agire con maggiore saggezza, per evitare di commettere errori e ingiustizie". In ogni caso, le 11 nuove classi di concorso sono A-23 Lingua italiana per discenti di lingua straniera; A-35 Scienze e tecnologie della calzatura e della moda; A-36 Scienze e tecnologia della logistica; A-53 Storia della musica; A-55 Strumento musicale negli istituti di istruzione secondaria di II grado tl; A-57 Tecnica della danza classica; A-58 Tecnica della danza contemporanea; A-59 Tecniche di accompagnamento alla danza; A-63 Tecnologie musicali; A-64 Teoria, analisi e composizione; A-65 Teoria e tecnica della comunicazione.

Sono comunque attesi chiarimenti dal Ministero di Viale Trastevere. In questo contesto il Miur ha già reso pubbliche le priorità politiche per il prossimo anno. Al primo posto c'è l'offerta formativa, da potenziare con riguardo alle competenze linguistiche, all'arte, all'educazione motoria e alle nuove alfabetizzazioni, tra cui le competenze economiche, l'uso critico dei media, il pensiero computazionale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il